La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUI. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

domenica 3 marzo 2013

Il linguaggio Grafico-Figurativo nel bambino/a dai tre ai sei anni. Parte I°

PARTE PRIMA

Alcuni semplici e sintetici post sull'evoluzione del linguaggio grafico figurativo nel bambino/a per meglio comprendere i disegni dei nostri bambini.
L'uomo comunica con il suo ambiente per mezzo di: Gesti, Parole, Suoni e Rumori e Disegni.
                                                                                                                     

I gesti sono un linguaggio Gestuale.
Le parole sono un linguaggio Verbale.
I suoni e rumori sono un linguaggio Musicale.
I disegni sono un linguaggio Grafico-Figurativo.

1° Stadio  = Stadio dello SCARABOCCHIO
Definizione giusta se si considera il tipo di disegno!... Ma un'analisi attenta ci porta a scoprire che lo scarabocchio è la "base" del linguaggio grafico-figurativo.
In questo stadio il bambino/a non ha bisogno d'essere incoraggiato da adulti; disegna spontaneamente con moltissimo entusiasmo e il movimento gli dà gioia: "Gioia del movimento".
Ogni scarabocchio rispecchia precisi movimenti che il bambino via via scopre.

DISEGNO N. 1: GROVIGLIO PRIMITIVO


La spalla-il braccio-la mano si muovono sul foglio e lasciano la traccia.
Il movimento è ampio e circolare, il bambino/a ha bisogno di fogli grandi.
                                           
DISEGNO N. 2: CROCE PRIMITIVA


Il movimento è più controllato e si svolge in due direzioni: verticale- orizzontale.

DISEGNO N. 3: LINEA A ZIG - ZAG


Movimento sempre più controllato e padroneggiato. La linea non rappresenta oggetti, fatti, anche se il bambino/a tenta di verbalizzarla: «Ho fatto la strada... Ho fatto... ».
Continua...
sinforosa castoro
PARTE SECONDA


Continuiamo nel nostro discorso sul linguaggio Grafico-Figurativo dei nostri bambini.
                                             2° Stadio = STADIO ESPRESSIVO
La successiva distinzione
Spalla-Bracciomano
Spalla-Braccio-Mano
Spalla-Braccio-Mano-Dita, consente al bambino/a di fare movimenti sempre meno necessariamente ampi, più controllati e di esprimersi, quindi, anche su fogli di formato ridotto.
Nei disegni il bambino/a è impegnato a elaborare forme espressive corrispondenti a oggetti  persone che conosce o a fatti che ha vissuto o che immagina.

La linea, chiudendosi, segna dei limiti alla superficie di tutto il foglio. Abbiamo così lo sfondo.

DISEGNO N. 4: FORME CHIUSE


Dalla tendenza a compiere movimenti curvilinei, nasce la forma circolare.

DISEGNO N. 5: FORME CIRCOLARI



Dalla tendenza a compiere movimenti circolari, nasce la forma quadrata.

DISEGNO N. 6: FORME QUADRATE

                                                               
La forma chiusa, con opportuni particolari fa pensare a qualcosa.
                                                         
DISEGNO N. 7: FORMA CHIUSA CON SIGNIFICATO


La forma circolare si unisce a quella quadrata, i particolari sono sempre più numerosi
                                                           
DISEGNO N.8: L'UOMO "GIRINO"

Particolari...

DISEGNO N. 9
                                             
Sempre più particolari... Il bambino/ ha raggiunto la distinzione Mano-Dita.
Il disegno è sempre più particolareggiato e si fa tanto più ricco quanto maggiori sono le esperienze che il bambino/a vive

DISEGNO N. 10: SEMPRE PIU' PARTICOLARI

   

PARTE TERZA  


1° È necessario renderci conto come funziona la mente del bambino/a nel linguaggio Grafico-Figurativo.
Facciamo un semplice esempio, quello di una bambina che incontra un cagnolino.
- La bambina vede o "percepisce" il cane.
- La bambina percepisce il cane come animale buono e nella sua mente immagina di essere amica del cane.
- Il cane non c'è più.
- La bambina disegnerà quello che ricorda vagamente dell'incontro con il cane.
Il disegno che noi vediamo, quindi, non è altro che un insieme di ricordi sfocati di "percezioni", rispetto alle quali ha perso in chiarezza.
Attenzione:
È bene ricordare che la rappresentazione (il disegno) è sempre un fatto nuovo e di conseguenza non ripete mai esattamente la percezione o lo stato d'animo.

2° È necessario renderci conto delle difficoltà che il bambino/a deve affrontare.
- Difficoltà percettive: Il bambino/a quando si troverà di fronte a una casa la percepisce in blocco, poi distinguerà la porta, la finestra, il tetto.
- Difficoltà motorie: dal momento in cui la spalla, il braccio, la mano, le dita sono una sola cosa... via via il bambino/a le distinguerà.
La capacità di controllare i movimenti è legata a questo processo di distinzione.
Attenzione: 
Tanto più l'adulto accentua il carattere estetico nel disegno (disegno"pulito" "ordinato"), tanto più c'è uniformità, conformismo. Manca cioè l'espressione personale, (De Bartolomeis), la creatività, aggiungo io.

3° È necessario liberarci dai pregiudizi, nel senso di dare valutazioni agli elaborati dei bambini: "bello... brutto".
- Il problema non è quello di fare del bambino/a un "Artista", ma metterlo nella condizione di comunicare realmente con il suo ambiente anche attraverso il disegno
Specie nella fase dello scarabocchio il bambino/a ha bisogno di "sporcarsi", sono utili in questa fase pitture, acquerelli, pennarelli a punta grossa che danno maggiori soddisfazioni.
Sotto vediamo varie tipologie di disegni.











sinforosa castoro


6 commenti:

  1. Carissima i tuoi post sono molto interessanti, erano anni che cercavo informazioni sul disegno dei bambini. Ti seguirò davvero con piacere in questa bellissima scoperta!Grazie di avermelo ricordato!

    RispondiElimina
  2. Cara Federica i miei post sull'argomento sono proprio all'osso, desidero dire poche cose ma che siano chiare e verificabili da voi mamme, spero di riuscire. Se trovi che i post siano utili, per favore, passaparola ad altre mamme.
    A ogni modo, in libreria ci sono parecchie pubblicazioni sul disegno infantile.
    ciao e un bacetto alla piccola.
    sinforosa castoro

    RispondiElimina
  3. grazie Sinforosa! per quello io conservo in due scatole dei ricordi sia gli scarabocchi di Andrea, sia i primi scarabocchi di Michelle... anzi alcuni li conservo dietro il vetro di una cornice appesi in cucina Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E fai bene, sono segni della loro età migliore e della loro crescita. Un bacio a Michelle.
      sinforosa

      Elimina
  4. che bello questo post! Ricordo che mi incantavo a guardare i disegni appesi alle pareti della scuola materna quando accompagnavo i miei figli. Una cosa che mi colpiva nei disegni dei bimbi dell'ultimo anno della materna era la differenza dei disegni fatti dalle bimbe e quelle dei bimbi. Le bambine disegnavano le figure con tanti particolari, ad esempio se rappresentavano una figura femminile mettevano addirittura gli orecchini e le collane, la borsa, scarpe col tacco, mentre i disegni dei maschi erano meno ricchi di minuziosi particolari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è comune che le bimbe arricchiscano i loro disegni con particolari che perfino a noi adulti sfuggono. I maschi sono più essenziali ma magari i loro disegni hanno più movimento. Tema interessantissimo il disegno infantile. Grazie per aver apprezzato questo post.
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.

* Se commenti su questo blog devi essere loggato con Google.

* Devi essere consapevole che il TUO username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile e che potrà rimandare al TUO Profilo di Blogger o a quello di Google+
POLICY PRIVACY

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO

CERCA NEL BLOG

RUBRICHE

Ai genitori (66) Avviso ai naviganti (56) Bestiario (6) Bibbia (29) Burattini & Compagni (74) Canzoni (7) Canzoni d'Autunno (10) Canzoni di Primavera (6) Canzoni Ed. religiosa (2) Canzoni Inverno (3) Canzoni Natale (4) Canzoni per primi giorni di scuola (10) Canzoni/Gioco (6) Carnevale in tutti i gusti (14) Casa dolce casa (11) Chiamiamole poesie (3) Competenze e Abilità (72) Cuccioli di casa (16) Documenti della Chiesa (12) Educazione Religiosa (26) Fatti da me (11) Fede e mondo (5) Festa del papà (12) Festa della mamma (10) Festa di san Valentino (5) Festa santa Lucia (12) Fiaba &Favola (7) Filastrocche/Poesie (42) Filastrocche/Poesie Autunno (13) Filastrocche/Poesie Estate (12) Filastrocche/Poesie Inverno (18) Filastrocche/Poesie Natale (14) Filastrocche/Poesie Pasqua (2) Filastrocche/Poesie Primavera (19) Filastrocche/Poesie Santa Lucia (4) Film (1) Fotografie (28) Giochi (71) Giubileo (3) Il Blog ne parla (121) La Bibbia in briciole (102) La parola ai lettori (37) Linguaggio Grafico-Pittorico 3-6 anni (12) Maestra raccontaci una storia (39) Mitologia raccontata ai bambini (5) Natale (53) Numeri primi (97) Parole di Bimbi (137) Pasqua (41) Percorso sulle emozioni (8) Pianeta scuola (49) Piccoli Artisti (72) Pinocchio e altri Libri per l'Infanzia (20) Post-it: Pensieri... Riflessioni (50) Preghiamo (28) Preghierine (14) Racconti di un pellegrino russo (5) Sacrarmonia (8) Santi: vita e parole (40) Scaffali di memoria (3) Strettamente Personale (59) Temi "grandi" per bimbi piccoli (12) Tutticoloridellemozioni (118)

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA