La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

venerdì 13 giugno 2014

Il Topo secco

Giardino della scuola. Ore 9.50. Le maestre sedute a semicerchio e i bambini liberi: chi a giocare a palla, chi nella sabbionaia, chi fra i cespugli e i rami degli alberi, chi...
Arriva un bambino: «Maestra. Maestra. Maestra. Sin-fo-ro-saaa».
«Amore, un minuto, non vedi che la maestra sta scrivendo la "pagella"?» alzo gli occhi: «Ma che cos'hai in mano?».
«Posso andare a metterlo nell'armadietto?».
«Ma no! Non puoi. Buttalo giù e vai subito a lavarti le mani».
«Ma è bello! Lo porto a casa».
«Assolutamente no, è un topino morto e tutto secco, non puoi portarlo a casa. Buttalo giù».
«Ma a te piacciono i topi».
«Sì, mi piacciono i topi, ma questo è morto e tutto secco. BUTTALO giù». Lo lascia andare. Altri bambini si avvicinano per prenderlo.
«NO». Grido. «Bambini, è un topino morto e secco, non si tocca, adesso chiamiamo la bidella che lo butta via».
«Ma no, è morto e lo mettiamo come al cimitero».
«E va bene, andate a prendere la paletta e scavate un buchino, laggiù, d'accordo?».
Vanno e scavano.
Prendo un fazzolettino di carta, prendo il topo per la coda e lo adagio nella "tomba"; è così piatto che sembra gli sia passato sopra una camion.
«Adesso chiudiamo la tomba, d'accordo, e non si va più a scavare per guardarlo, va bene?».
Lo ricoprono e gli mettono le margherite tutt'attorno, ma so che la tentazione di rivederlo sarà irresistibile. Mentre siamo a pranzo la collaboratrice lo toglierà dalla "sua tomba" e lo ficcherà nell'immondizia: Addio Topino Secco.




sinforosa castoro

4 commenti:

  1. Sinforosa,questo post mi ha fatto tornare in mente lo sguardo atterrito di mia mamma,quando mi presentai a casa con un topo di fogna,vivo,dicendo che avrei voluto tenere il castoro in casa!!!!!!.Credo che mia mamma non se lo sia più dimenticato quello spavento.(ma giuro che era carino e con lo sguardo molto tenero)ciaooooo!.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che ti credo, Giulia.
      I topi sono belli, come ogni animale, se lo si sa guardare con occhi di stupore. Vuoi mettere quegli occhietti a spillo e i baffetti sul musetto mobile e il nasino e le zampine! L'unica cosa che amo poco del topo è la coda, così spelacchiata.
      Immagino lo spavento della tua mamma, ma, stanne certa, mi sarei spaventata anch'io, eccome, mia cara Giulia, eccome.
      Un abbraccio
      sinforosa

      Elimina
  2. ma povero topino...finirà davvero nel cestino del immondizia?
    dici che se lo lasci nella buca vanno dinuovo a "sbirciare"...
    che teneri gli hanno pure messo le margheritine
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbene sì. Era già mummificato e ti assicuro l'avrebbero dissotterrato (in verità l'avrei fatto anch'io).
      Ciao Valeria
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.