La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

giovedì 12 giugno 2014

Sfogo

In questi giorni di caldo eccessivo gli impegni scolastici pare pesino maggiormente. Un po', bisogna ammetterlo, gli ultimi due mesi sono stracolmi di extra: uscite didattiche, feste di fine anno, feste per i bimbi grandi, incontri con i nuovi bimbi in entrata, incontri con i "nuovi" genitori, incontri con le colleghe degli asili-nido, incontri con le colleghe della Primaria, incontri collegiali, stesura delle schede di valutazione, verifiche di fine anno, stesura dei progetti per l'anno prossimo, insomma, parole... parole... parole... parole all'infinito, che mi hanno... prosciugata. Sono qui con una voce che non c'è più, un raffreddore che mi ha tolto persino la piacevolezza di sentire il profumo del cioccolato e una strana sensazione di non farcela. Oddio! Sto proprio invecchiando.
Quando ero una giovane maestra arrivavo alla fine dell'anno scolastico ancora in piena forza ed energia, nonostante gli impegni della famiglia, che richiedeva, allora, più forze ed energia che non ora. Percepivo il tempo in un altro modo rispetto a come lo percepisco adesso: la scuola finiva, me ne andavo in vacanza, quattro belle settimane in alta montagna con amici e familiari, tornavo a casa per riordinare la casa e prepararmi per il nuovo anno scolastico. Godevo ancora della presenza dei miei genitori che, anche se ormai ero autonoma in tutto per tutto, sapevo che erano sempre lì pronti a intervenire, a sostenere.
Ora è tutto cambiato. Vado ancora in montagna, torno ancora a casa per riordinare e prepararmi a un nuovo anno scolastico, insomma, le azioni si ripetono ma lo spirito è diverso, eccome se lo è!
Mamma mia, come sono negativa oggi, forse è meglio che la pianti qui altrimenti intristisco tutti, altroché!
Vado a scuola.

sinforosa castoro

8 commenti:

  1. Risposte
    1. Hai ragione principessa claudia, sfogarsi fa bene e come vedi io lo faccio, spudoratamente.
      Grazie
      un abbraccio
      sinforosa

      Elimina
  2. Ciao Sinforosa,
    non farti problemi. Siamo qui non solo per leggere ma anche per ascoltare. Abbiamo bisogno tutti di uno sfogo ogni tanto e se serve a farci star meglio ben venga.
    A "fine anno", una persona è stanca non solo fisicamente ma anche emotivamente visto che oggi come oggi le cose più semplici diventano difficili per la burocrazia, l'incapacità di farsi ascoltare, le pretese a volte assurde.
    Forza e coraggio. Manca poco lle vacanze. Tu pensa che la montagna ti attende. Le camminate, il riposo, quello che preferisci tu.
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Patricia, come vedi ho condiviso più che volentieri le mie stanchezze.
      Come hai ragione. Ho dimenticato che quando ero una giovane maestra molto di quello che adesso dobbiamo fare non ci veniva richiesto e cioè documenti, documenti, documenti all'infinito, e quelli, credimi, snervano.
      È vero, fra poco ci saranno le vacanze e so anche di essere una privilegiata e quindi chiedo scusa a tutte quelle persone che le vacanze se le possono solo sognare o che, purtroppo, sono in perenne "vacanza" perché non hanno un lavoro. Scusatemi.
      Ciao carissima e grazie mille
      sinforosa

      Elimina
  3. Ci credo che sei stanca!! E un bello sfogo ogni tanto ci vuole e poi deve essere il periodo, anche io ho passato un momento così e così, ma grazie a Dio sono solo momenti.
    Credo che chi da' molto, come fai tu, sia per la tua personalità, sia per il lavoro che fai, a un certo punto "esplode", dare dare dare può prosciugare... ti auguro di riavere in dietro tutte le energie e anche di più quando andrai in montagna. Sono sicura che là sentirai ancor di più la Sua presenza e che ti donerà nuova forza, nonostante le cose siano cambiate e diverse. Un grande abbraccione ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È bello e consolante leggere le tue, le vostre parole, grazie Vivy, grazie mille, mi fai sentire coccolata.
      È vero quanto dici: sono momenti e bisogna saperli riconoscere, accettare e andare oltre e io vado oltre anche grazie alle tue, vostre, parole.
      Grazie carissima e forza e coraggio anche a te, rimaniamo unite nella preghiera che è l'aria dell'anima, senza la quale "quei" momenti diverrebbero ore, giorni, settimane, mesi, anni.
      Un abbraccio
      sinforosa

      Elimina
  4. Capitano le giornate no, poi passano. Ci sta la stanchezza, non sei wonder woman e come dice nonna Bea "lavorare coi bambini richiede un notevole dispendio di energie".
    Un abbraccio
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione, Xavier, non sono wonder woman, a volte, invece, mi sa che credo di esserlo.
      Il voler sempre tenere sotto controllo tutto, troppo spesso consuma e poi ha ragione la tua nonna.
      I bambini, oltre che adorabili monelli, sono un po' vampirelli: succhiano il sangue e tritano le ossa.
      Ciao grande uomo
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.

ULTIMI COMMENTI