La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

mercoledì 13 agosto 2014

Dedalo e Icaro Parte 6°

... Segue http://sinforosacastoro.blogspot.it/2014/08/dedalo-e-icaro-parte-5.html
" Ma il re Minosse dice alle guardie di andare a prendere Dedalo e quando arriva gli dice: «Sei stato tu a far uscire ... Ateniese dal Labirinto». Ma Dedalo dice di no e poi dice che quello lì non è un nome. Allora il re dice alla regina di andare a vedere se c'è ancora la spada che aveva regalato ad Arianna, e la spada non c'è più e Arianna aveva scritto sulla tavoletta - perché non c'erano i quaderni - il nome di Teseo. Allora Minosse capisce che Teseo lo ha ingannato e dice alle guardie di mettere Dedalo nel Labirinto, così impara a dire a Teseo come si faceva a uscire dal Labirinto! Ma non era mica vero, però.























Icaro vuole andare con suo papà e allora va dal re e gli dice: «Voglio andare con mio papà nel Labirinto, perché gli voglio tanto bene». E allora i soldati mandano tutti e due nel Labirinto e ci danno dei sacchi di farina per fare il pane e non morire subito. Dopo tanto tempo... un anno, Icaro dice a suo papà: «Adesso prendiamo tutte le piume e le penne degli uccelli, perché c'erano tante piume, e con la cera che fanno le api, perché le api fanno anche la cera, le attacchiamo e ci facciamo delle belle ali e poi così voliamo e voliamo fuori dal Labirinto, va bene?».















e Dedalo dice di sì. E allora raccolgono tantissime piume e poi le attaccano e le legano alle braccia e poi muovono le braccia e volano.



Volano in alto e vanno fuori del labirinto.













Ma i soldati di Minosse lanciano le frecce, allora loro volano più in alto verso le montagne.













Ma le frecce non li prendono mica. Continuano a volare e sono contenti di sentire tutta l'aria fresca e poi vedono sotto tutti i campi e il mare.



























Icaro, però, vuole andare sempre più in alto e suo papà gli dice di non andare vicino al sole perché se no il sole scioglieva tutta la cera e lui cadeva nel mare.


Poi vedono anche tutte le barche...


Ma Icaro vuole vedere sempre di più, perché se va più in alto vede più lontano e si avvicina al sole e il sole fa diventare molle tutta la cera e le penne si staccano.






 Suo papà cerca di andare a salvarlo, ma Icaro vola dentro il mare e muore.




Suo papà grida forte: «Icaro. Icaro» ma lui non risponde più e Dedalo sente solo tutti i gabbiani che fanno haaa haaa haa. Dedalo vola fino alla Sicilia (io sono andata al mare, in Sicilia) e li racconta a tutti la storia di Talo e di Icaro e adesso lui è vecchio e tutti dicono che Icaro ha volato fino al sole". Fine


sinforosa castoro

2 commenti:

  1. Cara collega, come fai a farti ascoltare soprattutto con una storia così lunga? I miei bambini si stancano subito. Ogni volta leggo loro una storia dopo due minuti incominciano a chiacchierare e la storia finisce lì. Forse è perché a me non piace molto leggere storie, sarà questo il motivo?
    Grazie e buon ferragosto. una collega

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille della domanda, cara collega, anziché risponderti qui, però, preferisco risponderti con un post, per chiarire meglio, magari anche ad altri.
      Grazie della visita
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.