La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

domenica 28 dicembre 2014

Una storia che prufuma di favola: la storia di Giangiorgio

Era una fredda sera d'autunno e la maestra Sinforosa doveva correre a un incontro con altre maestre. Appena arrivata a casa da scuola, si preparò un caffè, sgranocchiò qualche biscotto, si lavò i denti e via, di nuovo in bici per raggiungere l'altra scuola. Dopo aver percorso una via larga, girò a destra e lì per lì si domandò cos'era quel foglietto di carta che svolazzava di qua e di là. Le ci volle solo un attimo per capire che il foglietto di carta era invece un piccolo e impaurito canarino.
«Lo prenda, lo prenda» le gridò un signore che veniva dalla parte opposta della via.
«Ma no, non posso e poi devo andare a scuola, mi scusi».
«Ma lo prenda, mi aiuti».
Sinforosa appoggiò la bicicletta al muro e cominciò a rincorrere l'uccellino che faceva dei voletti e poi si rintanava in qualche cantuccio della via lunga e stretta.
«Adesso lo prendo io», assicurò il signore, che nel frattempo si era tolto la giacca per gettarla addosso al piccolo pennuto. Ma niente, il canarino riusciva ogni volta a sfuggire a qualsiasi presa e, con fatica, riprendeva i suoi brevi e incerti voletti.
«Mi dispiace ma io devo proprio andare. Devo andare a una riunione e sono già in ritardo. Buonasera».
«Ma no, aspetti, glielo prendo».
«Le ho detto che non posso e poi non vado a casa, dove lo metto? Lo dia a quella signora».
Sì, perché proprio in quel momento, all'inizio della via c'erano una signora con un bambino. Senza più voltarsi indietro, Sinforosa svoltò a sinistra e filò via a rotta di collo.
Finì alle sette di sera, quella riunione, e quando uscì da scuola era buio pesto. Sinforosa si diresse verso casa e nell'imboccare la via stretta e lunga era inevitabile che il suo pensiero andasse al canarino. Magari qualcuno lo ha preso o magari è già morto, poverino. Nel pensare a queste cose, gettava gli occhi di qua e di là negli anfratti più bui per assicurarsi che non fosse lì. No, non c'è, meno male, magari si sarà salvato e, pensando a questo lieto fine, giunse davanti a casa. «Oh Signore! Eccolo lì».
Proprio nella lancia di luce del lampione che illumina il cortile della casa di Sinforosa, ecco un batuffolo rannicchiato e tremante: era lui, il canarino. Dopo ben due ore e più di voli e voletti fra traffico e persone, si era rintanato proprio lì, nel pezzetto di cortile illuminato dal lampione, se non si fosse rannicchiato in quella lama di luce nessuno si sarebbe accorto di lui, nemmeno Sinforosa e durante la notte sarebbe morto di sicuro. E fu così che Giangiorgio arrivò a casa della vostra maestra.
«Vi è piaciuta?».
«Sìììì. La racconti ancora?».















Era martedì 12 Novembre 2013 giornata uggiosa.
Sabato 27 Dicembre 2014 neve.

sinforosa castoro

4 commenti:

  1. Io sono dellidea che certi incontri non si fanno mai per caso.
    Era destino che tu lo accogliessi. Era destino che lui si perdessi e che poi ai riposasse davanti a casa tua.
    E' stato un canarino fortunato!
    Belli i disegni dei tuoi bimbi! Chissà se Giangiorgio si riconoscerebbe in quei canarini.....
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità è una storia che ho raccontato immediatamente ai miei bimbi, il giorno dopo averlo trovato. Quando ritornerò a scuola racconterò della sua morte e so già che questo fatto susciterà tante considerazioni ed emozioni.
      Anch'io, come te, credo che fosse destinato a me, proprio a me.
      Ciao ciao
      sinforosa

      Elimina
  2. Sinforosa, ma povero uccellino, anche lui sarà accanto al signore vero?
    chissà i tuoi bambini
    auguri di un buon inizio anno
    naturalmente anche nel 2015....tornerò spesso e volentieri a trovarti
    auguri baci VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Valeria, se ne è andato, in poche ore. A volte penso di aver sbagliato qualcosa, ma se l'ho fatto, l'ho fatto per ignoranza. Per esempio ho saputo solo ora che non si dovrebbero tenere i canarini in cucina e invece io lo tenevo proprio lì, perché mi facesse e ci facessimo compagnia. Eppure anche Anacleto, un canarino che ho avuto per sei anni, lo tenevo in cucina. Mah, chissà cosa gli è capitato? Tesoro.
      Ciao e Buon Anno Nuovo a te e a tutta la tua bella famiglia.
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.

ULTIMI COMMENTI