La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

domenica 7 dicembre 2014

Preparate la via

Una cosa non dovete perdere di vista, carissimi: davanti al Signore un solo giorno è come mille anni e mille anni come un solo giorno. II Pietro 3,8.

Inizio del vangelo di Gesù Cristo Figlio di Dio secondo quanto è scritto nel profeta Isaia: «Ecco, io mando il mio messaggero davanti a te, egli ti preparerà la strada."Voce di uno che grida nel deserto: preparate la strada del Signore, raddrizzate i suoi sentieri"». Venne Giovanni che battezzava nel deserto predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. E tutto il paese della Giudea e tutti quelli di Gerusalemme accorrevano a lui ed erano da lui battezzati nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di pelo di cammello, con una cintura di cuoio intorno ai fianchi, e si nutriva di cavallette e di miele selvatico. E predicava, dicendo: «Dopo di me viene colui che è più forte di me; al quale io non sono degno di chinarmi a sciogliere il legaccio dei calzari. Io vi ho battezzati con acqua, ma lui vi battezzerà con lo Spirito Santo». Mc. 1,1-8


  • Il tempo che ci è concesso è quello necessario per la nostra conversione. Conversione del cuore, dei sentimenti e desideri, delle azioni e atteggiamenti. Cerchiamo di usare bene ogni singolo attimo che il Signore ci concede.


sinforosa castoro

5 commenti:

  1. cara Sinforosa, ieri mi sono ritrovata in Chiesa con affianco mio marito e i miei figli...le nostre preghiere erano perchè il Signore venisse a prenderla
    sta soffrendo tantissimo e mi sono chiesta dinanzi alla Croce quali peccati avesse ancora da essere perdonata
    una vita buona la sua e allora perchè lasciarla soffrire così
    mi ha afferratto il braccio e mi ha chiesto aiutami ma come la posso aiutare
    la sua conversione è avvenuta negli anni, ha dato così tanto a noi tutti e ancora oggi lo fa perchè al suo capezzale ogni giorno c'è tutta la sua famiglia
    dinazi al suo dolore la famiglia è riunita come non è mai stata in tutti gli anni
    goni attimo che il Signore le concede è per soffrire
    ma perchè?
    sono stata arrabbiata tutto ieri con Il Signore, e so che non è giusto
    e forse perchè sono arrabbiata con Lui che non ascolta le mie preghiere?
    un bacio sinforosa da chi cerca nelle tue parole un senso a questi giorni così duri da vivere Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Valeria non so cosa dirti e comunque quello che ti dirò è frutto di riflessioni personali, e quindi mi posso sbagliare, eccome.
      Anzitutto penso sia legittimo chiedere al Signore di prendere con sé una persona che sta soffrendo. La sofferenza è terribile e oggi come oggi dovrebbe essere alleviata dall'uso di medicinali anti dolore. Il Signore non è arrabbiato con te, il Signore assolta sempre le nostre preghiere, purtroppo noi, nella nostra piccolezza, non sappiamo cosa sia giusto e dobbiamo, con molta fatica, pronunciare quel "sia fatta la Tua volontà". È difficile, lo so, difficilissimo, per questo dobbiamo chiedere incessantemente la grazia per sopportare il dolore, la sofferenza, propria e altrui.
      Non vedere la malattia e la sofferenza come un castigo di Dio. Dio è un papà, è una mamma. Nessun papà e nessuna mamma vorrebbe far soffrire il proprio figlio per punirlo a tanto meno "tanto per farlo soffrire". Anche la croce di Gesù è umanamente incomprensibile eppure Suo Padre non ha risparmiato nemmeno Suo figlio. La sofferenza non è fine a sé stessa. Essa è subordinata alla salvezza di molti. In questo momento quella sua sofferenza, e quella di molti altri, è in riscatto per la salvezza di molti. Il Signore non chiede mai qualcosa superiore alle nostre forze e molto probabilmente coloro che soffrono molto è perché agli occhi di Dio sono già Santi.
      Nonostante ciò, preghiamo insieme San Giuseppe perché conceda una santa morte a tutti coloro che non ce la fanno più a resistere alla sofferenza.
      Un abbraccio e sii serena
      sinforosa

      Elimina
  2. le tue parole sono forse l'affetto più grande che in questo momento potessi avere
    stamattina abbiamo dovuto prendere una dura decisione
    dura perchè le medicine che gli andremo a sommistrare sono le più forti che ci sono e il suo corpo non riuscirà a sopportare, ma gli toglieranno il dolore
    credimi che ci vuole forza a sommistrargliele perchè è a una persona a qui tu vuoi un bene immenso alla quale lo stai facendo
    ho pianto, abbiamo pianto...i miei figli oggi piangevano
    ma credimi vederla chiedere aiuto è come quando il Signore ha chiesto a Dio perchè mi hai abbandonato
    prego perchè il Signore non sia arrabiato con me, prego per lei e mi riempie di gioia la frase che mi hai scritto...agli occhi di Dio è già Santa
    prego perchè sua figlia morta lo scorso anno a 55 anni venga ad aspettarla sulla porta Del Paradiso, così vedrà un viso a lei famigliare e sarà da Lei consolata quando penserà a noi
    grazie Sinforosa, avevo bisogno delle tue parole VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che le mie semplici parole ti abbiano un po' risollevata. Avete fatto bene ad autorizzare l'uso di medicine anti dolore. Non sentirti in colpa, il male fa male, siamo esseri umani, non siamo ancora angeli e il dolore spaventa tutti, pensiamo a noi, quando abbiamo un mal di testa o dolori da qualche parte del corpo, non prendiamo un medicinale per alleviare il dolore? Anche le medicine sono un dono, pensiamo a coloro che dopo studi e sperimentazioni le hanno realizzate. Pensa a tutti quegli ammalati che in paesi in via di sviluppo o in paesi dove la sanità è completamente a pagamento non possono accedere a tali medicinali, quanta sofferenza! Ringraziamo Dio anche per questi medicinali e chiediamogli di accogliere tutti questi sofferenti nel suo paradiso dove, ne sono certa, incontreranno coloro che li hanno preceduti e sarà una nuova vita, una vera vita "dove non ci saranno più lacrime da asciugare".
      Ciao carissima e continuiamo a pregare San Giuseppe.
      sinforosa

      Elimina
  3. Ho riletto la mia risposta. Scusami Valeria, ci sono due errori di battitura, pazienza.
    Ciao e buona serata
    sinforosa

    RispondiElimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG. TUTTI I COMMENTI SARANNO PUBBLICATI.