La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE DELL'ATTENZIONE

lunedì 19 gennaio 2015

Il buon pastore

Ho già presentato più di una volta questa parabola, ma si sa che i bambini cambiano e la medesima parabola è vissuta in modo diverso di anno in anno. Oggi, dopo il racconto da parte mia e la drammatizzazione da parte dei bambini di quattro anni, sentiamola raccontare da un bimbo di quattro anni, appunto. E poi ditemi se non è bravo.

C'era una volta un pastore che adorava le sue pecore. Una mattina c'era il sole e dice alle sue pecore: «Quasi quasi vi porto a mangiare l'erba del prato» e loro dicono - fate bebè (i bambini presenti fanno il verso della pecora) - basta (gli amici si zittiscono), «sì, sì, portaci» e lui le porta. «Adesso mangiate l'erba» e loro la mangiano. Poi mangia anche il pastore, perché c'ha fame. «Mangiate ancora un po' di erba» e loro la mangiano ancora, ma poi incomincia a venire buio e allora il pastore dice: «Adesso andiamo a casa. Su, venite dietro a me» e le pecore ci vanno dietro. Quando arriva a casa le conta: uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto e poi ne manca una. Allora dice: «Ne manca una. Chissà dov'è finita? La vado a cercare» - fate bebè - basta (gli amici si zittiscono), «non andare che c'è buio», ma lui va. Cerca, cerca, cerca e sente «Bé. Bé. Bebè». Era la pecorella che era caduta nelle spine e aveva tutte le spine e tutto il sangue rosso. Ma lui va dentro il cespuglio e si punge tutto anche lui. «Adesso ti prendo» e la prende e la porta a casa e la cura. Ci mette i cerotti e il disinfettante e poi la pecorella guarisce e vissero felici e contenti. E il pastore è come Gesù, perché anche lui è come il pastore, che è buono.









sinforosa castoro

6 commenti:

  1. Che carini i disegni! Tutti hanno rappresentato le pecorelle con una infinità di zampe...chissà perché!
    Il piccino è proprio bravo: a quattro anni sono così piccoli eppure così pronti ad ascoltare e recepire il senso di quanto viene loro raccontato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto come ascoltano? Non tutti hanno la capacità di ripetere, di riassumere un racconto, questa è una capacità che a quest'età hanno in pochi, molto dipende, però, da come si raccontano le storie - in questo caso una parabola - e i bambini sentono subito se l'insegnante partecipa a sua volta al racconto o se lo fa tanto per fare. Per quanto riguarda i disegni, be' a quest'età iniziano a rappresentare la realtà come la percepiscono.
      Ciao ciao
      e grazie per esserti unita al blog.
      sinforosa

      Elimina
  2. fantastica..Sinforosa...
    p.s. da amanti delle pecore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille neveverde, anche a me piacciono molto le pecore ma in genere tutti gli animali.
      Ciao ciao
      sinforosa

      Elimina
  3. la semplicità dei bambini, quanto adoro leggere il loro pensiero
    e quanto sono piccoli ma allo stesso modo saggi
    che bello insegnare le Parabole hai bambini ed ascoltare quello che hanno appreso, che bello farlo in modo semplice, con i verso delle pecorelle...che bello!
    un bacione da chi adora leggere i pensieri dei tuoi bimbi Valeria

    RispondiElimina
  4. Tu dovevi vederlo quando il giorno dopo la raccontava di nuovo ai compagni e alla collega, che è rimasta piacevolmente colpita.
    Ciao ciao
    sinforosa

    RispondiElimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG. TUTTI I COMMENTI SARANNO PUBBLICATI.

ULTIMI COMMENTI