La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE DELL'ATTENZIONE

mercoledì 8 aprile 2015

L'agnellino

Dall'ovile su in montagna
è fuggito l’agnellino,
e la mamma poverina
teme che il lupo lo voglia mangiar.
Ora è buio il bosco è nero
e il lupo è già sul sentiero
ora il povero agnellino
di paura e timor trema già.

Prendi, prendi quell'agnellino
prendilo, prendilo per il codino,
se lo trova il lupo cattivo
in un boccone se lo mangerà.
Prendi, prendi quell'agnellino
prendilo, prendilo per il codino,
dalla mamma che tanto l’aspetta
portalo subito non ti fermar.

Or l’agnellino quando è sera
più da solo non andrà
nel bosco a passeggiar
nel bosco a passeggiar.
Or l’agnellino quando è sera
con la mamma resterà
e il lupo non lo mangerà.

Che cos'è, cos'è quel rumore
là nel bosco sempre più cupo?
Nella notte scappa il lupo
e l’agnellino abbandona così.
Ora corrono cani e pastori
e ritrovano l’agnellino;
dalla mamma torna pentito
e la mamma lo perdonerà.

Prendi, prendi quell'agnellino
prendilo, prendilo per il codino,
se lo trova il lupo cattivo
in un boccone se lo mangerà.
Prendi, prendi quell'agnellino
prendilo, prendilo per il codino,
dalla mamma che tanto l’aspetta
portalo subito non ti fermar.

Or l’agnellino quando è sera
più da solo non andrà
nel bosco a passeggiar
nel bosco a passeggiar.
Or l’agnellino quando è sera
con la mamma resterà
e il lupo non lo mangerà
e il lupo non lo mangerà.


Punteggio e incollatura

sinforosa castoro

3 commenti:

  1. sai Sinforosa cosa mi ha chiesto Michelle l'altro giorno leggendo un libricino che le hanno dato a messa?
    -perchè mamma nel VAngelo spesso si parla di agnellini sacrificati? perchè usavano il sangue degli agnelli per riconoscere le porte dei credenti?-
    e io anche stavolta non ho saputo risponderle
    baci VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io le risponderei facendole comprendere che a quei tempi si usava così e cioè mentre altri popoli pagani offrivano ai loro dei persino persone, gli ebrei, che non ammettevano sacrifici umani, donavano qualcosa di bello, puro, innocente a Dio attraverso il sacrificio di questi poveri animali, pensando di fare cosa gradita al Signore. Per esempio Maria e Giuseppe, nella presentazione di Gesù al Tempio donano due colombe. Gesù, però, è venuto a fare chiarezza anche su questo punto e ha detto che Dio non vuole sacrifici piuttosto desidera che noi ci pentiamo del male che a volte facciamo e promettiamo di diventare più buoni. Gesù è davvero l'uomo nuovo, colui che interpreta il pensiero di Dio. Gesù, come dice Giovanni nel suo Vangelo, è il Verbo, la Parola del Padre agli uomini.
      Un abbraccio a tutte e due.
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG. TUTTI I COMMENTI SARANNO PUBBLICATI.

ULTIMI COMMENTI