La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUI. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE DELL'ATTENZIONE

mercoledì 13 gennaio 2016

La ramanzina

Lui è un grandone, vivace, capricciosetto, abituato a stare sempre al centro dell'attenzione, certamente simpatico, un po' ingenuo e che non ha ancora completamente la padronanza della lingua italiana.

In salone, momento ricreativo, un gran chiasso, lo vedo mentre per l'ennesima volta fa un dispetto a un gruppetto di bambine - peraltro capricciose e manesche -.

Lo richiamo: «Adesso vieni a sederti e calmati un po'».
Lui borbotta frasi sconnesse, ad alta voce, minacciandomi con l'indice puntato contro in un movimento convulso, mentre fila in direzione della panca, poi mi grida:
«Glie- glielo dico a tua mamma».
«A mia mamma? Ma mia mamma è morta».
«Gli-glielo dico a tuo papà».
«Anche il mio papà è morto».
Mi guarda, innervosito e arrabbiato, ed esclama, incrociando braccia e gambe:
«E allora va a fa un c... ».
Gli altri bambini mi guardano poi guardano lui, in attesa, e così incomincia la ramanzina, mentre lui continua a recriminare ad alta voce e gli altri annuiscono alle parole " è vero che non si dicono queste parolacce, alla maestra, poi!...".


sinforosa castoro

7 commenti:

  1. Yet, it could likewise be located in the much less expensive products like Oil of Olay's Regenerist, which I advise
    to my individuals.

    Take a look at my web site: peptides for sale

    RispondiElimina
  2. Sei tu l'esperta, quella che vive coi bimbi, però a me pare che ci siano problemi a monte.
    Forse nel suo ambiente familiare si usa così. Chi urla o dice parolacce comanda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Patricia,se sapessi! Ormai prepotenze, parolacce, ribellioni con calci, sputi, pugni sono all'ordine del giorno.
      Quanta pazienza, non solo a sopportare ma soprattutto a far comprendere e sperare che qualche cosa cambi.
      Ciao carissima.
      sinforosa

      Elimina
    2. Sono cambiati i tempi in cui il genitore faceva (anche troppo a volte) il genitore. Adesso, se li sgridi c'è il telefono azzurro; se non dai quello che vogliono pure; se sei troppo molle sorgono altri problemi.
      Bisognerebbe forse cambiare un po' i vari papà e mamme che forse si ritrovano spaesati di fronte a tutto quanto c'è di nuovo nella vita. Convincerli che non c'è solo il lavoro anche se importantissimo, che i figli hanno bisogno di tempo e attenzioni, giochi inn comune, passeggiate. E una sgridata quando serve.
      Anche di un'altra cosa, adesso che ci penso. Che gli insegnanti tutti non sono i sostituti dei genitori, anche se sono ottimi insegnanti e ottime persone. L'educazione nasce e cresce in famiglia. A scuola, a qualunque livello, si perfeziona.
      Ciao stella!

      Elimina
    3. Questa tua puntuale riflessione potrei stamparla e metterla in bacheca a scuola.
      Grazie mille.
      Un abbraccio
      sinforosa

      Elimina
    4. Addirittura??? :)
      Buona serata cara!

      Elimina
    5. Sì, sì.
      Ciao ciao
      sinforosa

      Elimina

COMMENTI, SUGGERIMENTI, CRITICHE SONO BEN ACCETTI IN QUESTO BLOG.

ULTIMI COMMENTI