La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

martedì 1 marzo 2016

Paure

Mentre molti sono impegnati con giochi di costruzioni o disegni, alcuni stanno attorno alla cattedra a dialogare con me, mentre riordino i loro lavori. A un tratto una bimba "grande" mi chiede:
«Maestra, ne che moriamo, poi?».
«Quando saremo vecchi vecchi, sì, moriremo».
«A me piace morire così non devo venire più a scuola, non devo fare più niente, e a casa non mi sgridano più».
«Ma, non ti piace venire a scuola?».
«Sì, però poi vado alle elementari?».
«Certo, quando ritornerà ancora settembre, sarai così grande e andrai alla primaria, con tutti i tuoi amici».
«Ehh sì!».
«Ma devi essere contenta e devi stare tranquilla. Alle elementari ti divertirai tantissimo e imparerai a leggere, a scrivere, imparerai tante cose che adesso non sai e ci saranno delle maestre bravissime».
«Ehhh sì!».
«Quindi adesso pensa a divertirti, hai capito?».
«Sì».
«Bravissima» e andiamo avanti a dialogare del più e del meno.


























sinforosa castoro

8 commenti:

  1. Le paure del cambiamento, strano solitamente i bambini sono aperti al cambiamento, sono curiosi!
    Forse è particolarmente sensibile.
    Ciao,
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Daniela, la paura del cambiamento è molto più frequente di quanti si pensi. L'ignoto, anche se raccontato e spiegato, è una delle paure primarie. Pensa alla paura di lasciare la mamma, e poi la tua casa e poi la tua scuola e i compagni e le maestre che ti danno sicurezza. È per questo che il bambino ha bisogno di ritmi e abitudini, perché sono contenitivi e lo fanno sentire sicuro.
      Grazie mille
      sinforosa

      Elimina
  2. cara Sinforosa... i bambini sono sempre curiosi e carichi di domande... che bello che ci siano persone come te che sanno dare una risposta alle loro domande e che li rassicurano Che bello il tuo lavoro, che poi in qualche modo assomiglia al mio di mamma
    Una mamma con tanti bambini...questo sei ed è un lavoro bellissimo
    un bacione Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria, sei gentilissima, però è vero quello che dici, noi maestre, se facciamo con passione il nostro lavoro, diventiamo punti di riferimento per i nostri bambini e a volte, non per essere presuntuosa, li conosciamo più a fondo dei loro stessi genitori, genitori che magari non hanno la pazienza o la voglia di ascoltarli.
      Buona notte e un bacio alla tua Miki.
      sinforosa

      Elimina
  3. Quando si è insicuri, ogni cosa nuova fa paura.
    Questo è quello che penso io, poi forse mi sbaglierò.
    Ciao e buona serata cara Sinforosa.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione Tomaso, sentirsi insicuri fa temere ciò che si deve affrontare, amplificando fantasie, immagini e scenari.
      Grazie per l'attenzione e buona notte
      sinforosa

      Elimina
  4. Sono incredibili i bambini. Io imparo ogni giorno. Imparo a mediare, a stemperare gli umori, ad ascoltare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... Ad ascoltare, ecco quello che dovremmo fare tutti, genitori e insegnanti, ascoltare i bambini. Fortunati i tuoi figli, Massimiliano.
      Buona serata
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG. TUTTI I COMMENTI SARANNO PUBBLICATI.