La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUI. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE DELL'ATTENZIONE

venerdì 8 luglio 2016

Devozione

Piemonte. Aprile 1944, la guerra incombe. Una mamma, con il suo piccolo stretto fra le braccia, cerca di raggiungere la casa della madre e delle sorelle. Per farlo deve percorrere una collina, alture di sant'Anna di Avagnina, dove c’è un accampamento di partigiani. A un tratto un aereo, a bassa quota, inizia a mitragliare l’accampamento. La mamma si getta in un rigagnolo, proteggendo col suo corpo il piccolino e incomincia a pregare sant'Anna
«Proteggi il mio bambino. Proteggi il mio bambino». 
Molti saranno i morti e i feriti, ma la mamma col suo bimbo sono salvi.
Fortuna? Destino? Il caso? Chissà! Ma quella donna, quella mamma, in quella salvezza, vede la mano di Dio che, attraverso sant'Anna invocata con fiducia perseverante, salva la sua vita e soprattutto quella del suo bambino neonato. Questa è un fatto vero accaduto sessantadue anni fa e come questo tanti ce ne sarebbero da raccontare. E questa è anche testimonianza di una fede antica e granitica, la fede dei nostri padri, dei nostri nonni e che oggi, purtroppo, va via via dissolvendosi. Quella donna, quella mamma, si chiamava Maria (n.b. la figlia di sant'Anna era Maria santissima) ed era la nonna (e quel bimbo neonato il padre) di una cara lettrice che ha voluto condividere con me, e con tutti voi, questa favola-vera a lieto fine. Valeria, la lettrice, prosegue nel dirci che da quel giorno sant'Anna diventa l'Angelo Custode della sua famiglia e la santa non mancherà, anche in seguito, di elargire grazie su grazie a questa famiglia devota a lei. 
Grazie Valeria da parte di tutti noi e che sant'Anna interceda, per tutti noi.


Santuario sant'Anna di Vinadio. m. 2010




sinforosa castoro

8 commenti:

  1. Cara Sinforosa, una storia toccante che infrange ogni barriera, non ha importanza se credere hai miracoli oppure no, il fatto è che è tutto vero!!! Ciao e buona giornata un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così, Tomaso, una storia bella e toccante.
      Buon pomeriggio e buona serata
      sinforosa

      Elimina
  2. grazie Sinforosa, perchè con le tue parole hai rappresentato una parte della mia vita...
    Miracolo o destino, per noi vale come un aiuto della mano di Dio...La cosa importante che la nostra devozione coinvolge tutta la mia famiglia da ben tre generazioni...Oggi la tua narrazione avrà reso felice una grande donna che ci guarda dal cielo
    un bacio e grazie infinitamente grazie VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, valeria, per averci donato un pezzettino della tua vita, il più profondo.
      Un abbraccio
      sinforosa

      Elimina
  3. quel luogo è meraviglioso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa proprio di sì.
      Grazie
      sinforosa

      Elimina
  4. E comunque rendiamo onore a sant'Anna protettrice delle donne incinta!! Grazie cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione è la protettrice delle future mamme: evviva!!!
      Grazie
      sinforosa

      Elimina

COMMENTI, SUGGERIMENTI, CRITICHE SONO BEN ACCETTI IN QUESTO BLOG.

ULTIMI COMMENTI