La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUI. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE DELL'ATTENZIONE

sabato 2 luglio 2016

Sant'Anna

Nel Protovangelo di Giacomo, scritto nel II secolo dopo Cristo, si trovano notizie su Anna, la mamma di Marie e nonna di Gesù.
Anna, terza di tre sorelle, figlie del sacerdote betlemita Mathan, sposò Gioacchino, uomo colto e molto ricco, che le assicurò una vita agiata. Tuttavia, ai due sposi fu negato la genitorialità per molti e molti anni, finché un giorno, un angelo apparve ad Anna e le assicurò che sarebbe diventata mamma. I due sposi, dopo molte sofferenze e umiliazioni (si narra che le offerte di Gioacchino al tempio non furono accettate da sacerdote del tempio Ruben perché l'uomo non aveva dato un figlio a Israele), ebbero la gioia della nascita di Maria che, come aveva promesso Anna, fu offerta a Dio a soli tre anni. Si festeggia il 26 luglio.

Dalla rete


sinforosa castoro

10 commenti:

  1. Cara Sinforosa, sono passato per augurarti una buona domenica,
    Ciao con un abbraccio e un sorriso:) Tomaso

    RispondiElimina
  2. Altrettanto a te, Tomaso.
    Ciao e grazie
    sinforosa

    RispondiElimina
  3. Grazie per aver ricordato queste cose che fanno parte della nostra cultura religiosa!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno qualche cenno, per non annoiare, ma ci vuole.
      Ciao ciao
      sinforosa

      Elimina
  4. era il '44 mio papà era appena nato, mia nonna stava andando attraverso i campi verso la cascina dove vivevano sua mamma e le sue sorelle... sulla collina che doveva attraversare c'era un accampamento di partigiani... a un certo punto mia nonna sente il rombo dei motori di un aereo, volava a bassissima quota, instintamente senza pensarci prende in braccio mio papà e corre verso una "bialera" rigagnolo e si butta a terra nel acqua... lo stesso fa un uomo in bicicletta... dal aereo iniziano a sparare sul accampamento, sulla strada i ciottoli sbalzavano come proiettili...mia nonna pregava S'Anna aiutami tu, proteggi mio figlio... la morte la circondava, aveva ferito gravemente anche l'uomo in bicicletta...il campo era pieno di morti...ma miracolo mia nonna e mio papà erano salvi... da allora noi siamo devoti a S' Anna per la grazia ricevuta
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che meravigliosa testimonianza. Grazie mille Valeria per avermela raccontata, eventualmente posso farne un post? È una storia troppo bella.
      Un abbraccio
      sinforosa

      Elimina
    2. si certo...la mia nonna me l'ha raccontata tante volte e anche il mio papà... noi vicino a noi abbiamo un santuario A Vinadio si chiama S.Anna di Vinadio e i pellegrini vanno a piedi percorrendo tantissimi km ...io ho portato i fiocchi nascita di Andrea e Michelle se trovo le foto te le mando
      un bacione

      Elimina
    3. Ma che bello. Grazie Valeria, farò il post.
      Un abbraccio
      sinforosa

      Elimina
  5. mi raccomando avvisami con una e-mail non vorrei proprio perderlo
    saluti anche da Michelle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senz'altro.
      Ciao a te e ai tuoi meravigliosi figli.
      sinforosa

      Elimina

COMMENTI, SUGGERIMENTI, CRITICHE SONO BEN ACCETTI IN QUESTO BLOG.

ULTIMI COMMENTI