La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUI. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE DELL'ATTENZIONE

sabato 23 luglio 2016

Utopia

Utopia di Tommaso Moro compie 500 anni (1516-2016). Tommaso Moro, umanista e politico, decapitato nella torre di Londra il 7 luglio 1535, scrisse Utopia poco dopo l'uscita del Il Principe di Machiavelli. Le due opere sono agli antipodi, in quanto a riflessioni politiche: tanto si esprime il coraggio del sognatore nel primo, quanto l'egoismo calcolatore nell'altro.
Per Tommaso Moro Utopia - dal greco ou = non e dal sostantivo topos = luogo, quindi utopia = non luogo - è, invece, un luogo ideale, un modello di società giusta dove "Il fondamento essenziale di una società sana è nell'equa spartizione dei beni". Laddove c'è solidarietà e condivisione c'è una società giusta e che sa vivere in pace. Così si esprime: "Così facilmente s'acquisterebbe il vivere, se la bramosia di accumulare denari non impoverisse gli altri".
In questo nostro tempo dilaniato da egoismi calcolatori che producono miserie e povertà sempre più dilaganti e inarrestabili, il monito di Tommaso Moro, a distanza di cinquecento anni, non solo è di grande attualità, ma diventa sempre più urgente. Solo se farà breccia nel cuore dei politici, e nel nostro, forse qualcosa cambierà o sono anch'io una sognatrice come il Moro?



sinforosa castoro

12 commenti:

  1. Sognatrice? Un po', sì, Sinforosa.
    Il dio denaro e il dio potere occupano troppo i cuori e le menti di chi ci governa.
    E se prima delle elezioni usano un certo tipo di parole una volta che hanno appoggiato il lato b sulla poltrona le dimenticano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo! Non bisogna smettere di sperare, però.
      Buon pomeriggio
      sinforosa

      Elimina
  2. Condivido assolutamente, merita diffusione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Massimiliano.
      Buon pomeriggio estivo.
      sinforosa

      Elimina
  3. Molto interessante, cara Sinforosa, i tuoi post mi mettono sempre tanta curiosità. Ciao e buona domenica cara amica, con un abbraccio e un sorriso:) Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso.
      Buona fine di domenica anche a te.
      sinforosa

      Elimina
  4. Cara Sinforosa, non mi ricordo se ho prima lasciato il commento, comunque ti auguro una buona domenica cara amica, con un abbraccio e un sorriso:) Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ti rispondo di nuovo perché le tue visite mi fanno un gran bene
      Ciaooo
      sinforosa

      Elimina
  5. "Fedele prima al mio Dio re e poi al mio re"... questa sua frase è bellissima e la debbo inquinare con l'ipocrisia di certi mafiosi e corrotti che si nascondono dietro il Santo segno della Croce.. compresi alcuni ipocriti alti Prelati!

    RispondiElimina
  6. Purtroppo, Ivana, il dio-denaro, il dio-potere seduce tutti.
    Grazie e ciao.
    sinforosa

    RispondiElimina

COMMENTI, SUGGERIMENTI, CRITICHE SONO BEN ACCETTI IN QUESTO BLOG.

ULTIMI COMMENTI