La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE DELL'ATTENZIONE

martedì 25 aprile 2017

La Libertà

La Libertà è cosa seria, è assai preziosa la Libertà. Non ci è data per diritto di nascita, luogo o ceto sociale. È costata lacrime e sangue, la Libertà, lacrime e sangue di famiglie, uomini, donne, giovani e persino vecchi e bambini, la Libertà.
La guerra, l'occupazione, la deportazione, i campi di concentramento, la fame, la morte non sono entità morte e sepolte per sempre. Stanno tutte quatte quatte dietro l'angolo e si alimentano di paura, orgoglio, interessi, egoismi, ideologie bizzarre frutto di ignoranza e degrado.
Va trattata con cautela, estrema cautela, la Libertà, perché essa è cosa assai seria e preziosa.



sinforosa castoro

15 commenti:

  1. Dici bene...stanno tutte dietro l'angolo...peggio ancora...cominciano ad uscire fuori...allo scoperto...!

    Jacopo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo, Jacopo. Teniamo le dita incrociate.
      Buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  2. VEro, Sinforosa. Ed è pure fragile. Può resistere ad un vento non troppo forte ma quando diventa burrasca (razzismo, xenofobia, dispotismo, odio) rischia di essere spazzata via.
    Buon 25 aprile a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così, Patricia, ci sono bruttissimi segnali, ovunque.
      Buona serata, cara.
      sinforosa

      Elimina
  3. Cara Sinforosa, impariamo che la libertà è stata pagata a caro prezzo! Purtroppo non tutti l'anno ancora capito!!!
    Ciao e buon 25 aprile, con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione Tomaso, la libertà è stata pagata a prezzo di vite umane, speriamo che tutti se lo ricordino, sempre.
      Buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  4. A mio parere abbiamo fatto, tutto sommato, un cattivo uso della libertà. è come quando desideri una cosa bella che ti sembra irraggiungibile, la divinizzi e lei ti corre davanti e non l'agguanti mai. Poi lei è lì. Tocchi il cielo della felicità con dieci dita e te la godi. Il tempo passa, ci fai l'abitudine e pian piano la sottovaluti e te ne freghi.
    Siamo arrivati a questo punto. Ognuno pensa alla pancia propria e chi vuole <cristo se lo preghi.
    Brutto, brutto questo momento. Sento solamente chiacchiere, niente di serio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, concordo. Libertà non è fare, dire, disfare tutto ciò che mi va di fare, dire, disfare. La libertà è tale se osserva e rispetta anche quella dell'altro, chiunque sia l'altro, cominciando da chi non ha ancora voce.
      Buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  5. L'unica libertà totalizzante è la libertà dal peccato.
    Ciao Sinforosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E dici poco? Proprio lì sta il nodo.
      Ciao Gus e buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  6. Verissimo purtroppo le cose di cui parli non sono morte o estine
    Sono sempre nascoste dietro l'angolo e possono sempre ritornare in vita, magari con modalità diverse ma jn fondo sempre uguali come risultato.
    La Libertà è un bene grandissimo e fondamentale anche se sempre più cercando di contrarla in ogni modo possibile
    Un saluto e buona giornata ma soprattutto ottimo mese di maggio in arrivo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo Arwen, dovremmo tutti averne più cura, perché basta un niente per distruggerla.
      Buon mese di maggio anche a te, di cuore.
      sinforosa

      Elimina
  7. Ogni anno il 25 aprile è meno sentito...molti pensano a un giorno di vacanza, a un ponte un po più lungo...
    Ogni anno a partecipare alle funzioni sono sempre meno...gli anziani ci sono sempre,gli alpini, ma i bambini non si vedono più...A scuola non si parla mai del 25 aprile... perchè? Eppure la libertà è un tema importante e oggi ancor di più, perchè non raccontare ai bambini cosa è il 25 aprile?
    bacioni Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi, Valeria, io ne parlo, anche se in modo semplice, perché credo che i bambini debbano conoscere quello che c'era prima di loro e purtroppo anni e anni fa qui c'era la guerra, quella che magari vedono alla tv. e che pensano sia solo in quei paesi o sia cosa finta.
      Noi siamo stati fortunati a non vederla, ma è sempre in agguato, purtroppo.
      Buona serata e grazie.
      sinforosa

      Elimina
    2. Anche io ne parlo hai miei figli, il loro bisnonno è morto in un campo di concentramento in Russia, non ha visto nascere suo figlio...ogni sera sua moglie e mio suocero andavano a passeggio fino al Pilone della Madonna al inizio paese, si sedevano sul gradino e aspettavano di vederlo arrivare...fin quando c'era mio suocero portava il cane a passeggio fino al pilone e spesso in silenzio portava anche Andrea...guardavano l'orizzonte ... mio suocero ha fatto un solo viaggio nella sua vita...in Russia nel campo di concentramento da dove è arrivata l'ultima lettera che conserviamo... in quel campo gli uomini erano stati condotti in profonde buche e poi sepolti vivi con terre e massi... ecco perchè a casa mia c'era il tricolore alla finestra come sempre, ecco perchè parliamo di guerra hai nostri figli e di liberazione... Mio papà era piccolo quando per miracolo si è salvato con mia nonna da un aereo che ha mitragliato e bombardato... ma queste storie le ho già raccontate anche a te... parliamo di guerra con Michelle perchè lei è attenta a cosa dicono i TG e fa tante domande...ma a scuola non ne parlano e non gli hanno spiegato cosa significa il 25 aprile... e nemmeno le maestre hanno invitato i bambini a partecipare alle celebrazioni... quando Andrea andava a scuola le maestre gli chiedevano di partecipare...
      Mi sembra che non parlarne ai bambini sia sbagliato...Ammiro chi come te sceglie di farlo in modo semplice anche ai più piccoli
      La libertà è un bene prezioso che spesso si dimentica di possedere ...
      Ancora oggi uomini, donne e bambini muoiono spesso da innocenti per una libertà sempre più lontana..Un bacio Valeria

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG. TUTTI I COMMENTI SARANNO PUBBLICATI.

ULTIMI COMMENTI