La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

martedì 9 maggio 2017

Che spavento!

Ci sono fatti, immagini, avvenimenti che spaventano. Cosa vi spaventa? Avete voglia di raccontarlo?
Per esempio, questo disegno dovrebbe incutere paura, secondo l'autore del disegno, un bimbo di quasi sei anni, incute pura?




sinforosa castoro

7 commenti:

  1. Noooo! 😊😊😊😊😊 però per l'autore rappresenta senz'altro qualcosa che lo spaventa. Ma cosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, loro hanno una fantasia illimitata.
      sinforosa

      Elimina
  2. La finzione non mi spaventa. A volte la paura è immotivata.

    Non potrò mai dimenticare quando durante una gita scolastica sulle colline del Varesotto.
    Mi persi nei grandi boschi alle spalle di Tradate.
    Veniva la sera e più correvo, tanto più mi inoltravo
    nel fitto del bosco e percepivo un senso angosciante
    di disorientamento.
    Cominciai allora a gridare, e dopo molto tempo una voce da lontano, mi rispose.
    Gridare fu la prima manifestazione della mia libertà.
    In quel momento avevo il terrore del nulla e della morte.
    La notte nel buio del bosco e il desiderio della vita.
    Desiderare di ritrovare la strada era la natura della mia libertà.
    Per questo mi misi a gridare.
    Il grido è la prima espressione della libertà.
    La prima preghiera che incontriamo nella Bibbia è un grido, un urlo verso il cielo che si alza da un popolo oppresso. Per fare l’esperienza della liberazione occorre prima aver sentito il bisogno di essere liberati, e poi gridare, credendo o sperando che di là, o Lassù, ci sia qualcuno a raccogliere quel grido.
    «Gli Israeliti gemettero per la loro schiavitù, alzarono grida di lamento e il loro grido dalla schiavitù salì a Dio. Dio ascoltò il loro lamento, Dio si ricordò della sua alleanza con Abramo,Isacco e Giacobbe. Dio guardò la condizione degli Israeliti, Dio se ne prese cura» (2,24-25).



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo ricordo, nel senso che anche se spaventoso per te, ti ha permesso di rielaborarlo e scoprire tante verità.
      Ciao Gus.
      sinforosa

      Elimina
  3. Incute paura la pseudo bandiera turca che si vede oltre il mostro XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mi credi anche a me quei simboli ricordano qualcosa, tuttavia lui li ha disegnati per arricchire il disegno.
      Ciao Miki.
      sinforosa

      Elimina
  4. Cara Sinforosa, credo che le paure normalmente vengono dai sogni, specialmente da giovani capita spesso di cadere da molto alto oppure qualcosa ti sta inseguendo, e cosi via.
    Ciao e buona giornata con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.

ULTIMI COMMENTI