La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

mercoledì 10 maggio 2017

Per fare un bambino ci vuole un maschio e una femmina

In bagno per le pratiche igieniche, prima del pranzo.
Loro due, due piccolini, sono seduti sulla panchina mano nella mano.
Una bimba grande li guarda e chiede: «Tu lo sposi?».
Lui annuisce con la testa, (in realtà io so che lui sposa tutti).
Salta su un bimbo grande: «Ma no, non può sposarlo, due maschi non si può».
Gli fa eco un altro grande: «Sì, si può sposare, anche due femmine, però non possono avere un bambino».
E perché? Chiede la bimba grande a mo' di so-tutto-io.
«Perché per fare un bambino ci vuole un maschio e una femmina».
I due piccolini sono già in fila con la mano nella mano a due grandoni, incuranti di quelle parole per loro senza senso.



sinforosa castoro


16 commenti:

  1. Dovremmo vivere in un mondo dove si ragiona come i bambini, sempre in modo semplice^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho pensato, e lo penso, anch'io.
      Ciao Miki.
      sinforosa

      Elimina
  2. C'è anche la fecondazione in vitro.

    Ma fatto da un maschio e una femmina canonicamente sarà più gustoso.
    Ciao sinforosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto sarà concepito con più amore.
      sinforosa

      Elimina
    2. Ci sarà più amore anche se costretto in orfanotrofio? Da suore acide magari? ;)

      Elimina
    3. Certo che no, tuttavia la vita secondo me è sempre un dono e le vie della vita sono molto più fantasiose della più fervida fantasia.
      sinforosa

      Elimina
  3. I bambini lo sanno perfettamente, perché vedono una mamma e un papà. Poi parlano fra di loro. Quello che ne esce fuori a volte è esilarante e dipende -ahimé spessissimo- dall'attenzione che pongono i genitori nelle loro intimità.
    Va dalla ricerca fatta da entrambi i genitori del proprio figliolino in una rosa o in un cavolo, poi lo vedono che zompetta qua e là, lo prendono con molta cura, lei lo inghiotte -alcuni dicono Nooooo non lo mangia, fa un buco nella pancia e ce lo infila dentro- e poi aspettano he divenga grande ed esca fuori saltellando e cantando.
    Poi ci sono i più eruditi, quelli che dicono Ma che cavolo e cavolo il maschio e la femmina fanno all'amore.
    E che fanno? Si baciano e così il papà le sputa dentro la bocca il figliolino.
    Poi ci sono anche quelli che SANNO tutto. Ma quale bacio e bacio, non avete capito niente. Il papà mette il pisellino là sotto. Dove là sotto? Nel sederino della mamma! Lì c'è il buco per entrare e poi dopo tanto tempo che loro due pregano viene fuori il bambino. DA DOVE? Ma dal sederino, fesso, da dove sennò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi, Vincenzo, non ho mai sentito racconti così fantasiosi, sta di fatto che anche per parlare di questo argomento non resta che usare un linguaggio veritiero, serio e semplicissimo.
      Ciao ciao.
      sinforosa

      Elimina
    2. Sono assolutamente d'accordo con te: io ho parlato chiaramente ai miei bambini, quando ho intuito il loro imbarazzo perché ne parlavano a scuola ed uscivano fuori assurdità ed amenità a go-gò.
      Sta di fatto che questo ai miei tempi non si usava, mai dire la verità. Io ho scoperto alla scuola media che tra noi e voi ci fosse une petite difference. Pensa tu.
      Nel mio commento non ho raccolto racconti fantasiosi, ma ciò che ho sentito dire dai miei figli e dai miei nipoti (insieme fanno dieci fonti). Ti garantisco che ce ne sono ancora di più assurde.
      La colpa è dei genitori che quando si avvedono della NATURALE curiosità dei figli su questo deisivo argomento, glissano e guardano altrove, lasciando ai piccoli l'onere di scoprire la verità che a volte avviene a caro prezzo, nel senso che a volte l'equivoco è troppo grosso per poter parlare solamente di innocenza.

      Elimina
    3. Hai perfettamente ragione, i genitori, gli educatori, gli insegnanti hanno il compito di parlarne con semplicità e verità, purtroppo per molti di loro non sono argomenti semplici perché a loro volta non hanno avuto la fortuna di incontrare genitori, educatori, insegnanti in gamba.
      sinforosa

      Elimina
  4. Io adoro quando ci racconti questi piccoli aneddoti ^_^ Sono una rigenerazione per l'anima :D Mi piacciono un sacco i bambini e io a loro, mentre ho pochissima pazienza e mal sopporto gli adulti XD Veramente eh! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ascoltare i loro discorsi, osservare le loro dinamiche nella relazione, nel gioco, nell'affrontare ostacoli e situazioni, sono la parte più bella di questo mestiere.
      Ciao Glò e buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  5. Hello sweetie;)

    I enjoy reading your blogpost- very nice paintings;)
    Hugs to you from Germany
    Isa

    www.label-love.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. Thank you so much, i am happy to join your blog. Sorry for my english.
    Good evening.
    sinforosa

    RispondiElimina
  7. Fai uno dei lavori più massacranti ma anche più belli. Mi sarebbe piaciuto.. poi chissà.. magari non avrei avuto abbastanza pazienza... ma ci avrei messo cuore, quello si..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dici bene tu è un lavoro fantastico e ci vorrebbero maestri di scuola d' infanzia.
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.

ULTIMI COMMENTI