La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

martedì 11 luglio 2017

Speranza

Spesso si sente dire che la speranza fa vivere. E infatti chi è insoddisfatto della propria sorte o deluso dagli avvenimenti tende a proiettarsi nel futuro: presto… fra qualche giorno… fra qualche mese… tutto andrà meglio. Indubbiamente l’ultima cosa che si abbandona è la speranza, ma aspettando la realizzazione di ciò in cui si spera, si ha bisogno di trovare qualcosa cui appoggiarsi per continuare a resistere. Per poter resistere occorre anzitutto avere la fede. Ora, la fede poggia sulla convinzione che l’universo è governato da leggi e, in particolare, la legge secondo la quale ogni semente finisce per dare frutto: se si sono seminati buoni semi, un giorno si raccoglieranno frutti magnifici. Tuttavia occorre anche alimentare la vita dentro di sé, ricevere uno slancio grazie all'amore; altrimenti la speranza rimane solo una fuga dalla realtà, e un giorno anch'essa ci abbandonerà. Per non perdere mai la speranza è necessario alimentare in sé la fede e l’amore e, davanti a ogni difficoltà che si presenta, chiamarle in aiuto. Ed è questo che ci permette di conservare la speranza fino in fondo. Omraam Mikhaël Aïvanhov


sinforosa castoro

8 commenti:

  1. Bisogna che diventiamo poveri, ossia certi di alcune grandi cose.
    Il povero è chi è certo di alcune grandi cose, per cui costruisce una cattedrale, anche se vive in una catapecchia, essendo così cento volte più uomo di chi ha come orizzonte ultimo un appartamento confortevole.
    Perché essere poveri è essere certi?
    Perché la certezza implica l'abbandono e il superamento di sé. " Sono piccolo, sono niente, la cosa vera e grande è un'Altra".
    Secondo l'economia la povertà è la mancanza di un reddito, di una proprietà, di un bene.
    Non c'è un automatismo che ti fa passare dalla povertà economica alla Fede, anzi la povertà può incattivirti, spingerti a rubare, oppure prostituirti.
    La teologia dà un concetto diverso alla povertà, cioè l'abbandono e il superamento di sé e la certezza di un Altro. La povertà è un amore non verso se stesso ma diretto a raggiungere un altro. La povertà è un corollario della Speranza. Se non diventi povero (l'abbandono e il superamento di sé) non puoi sperare. La Speranza di un uomo è che la sua Fede giunga a compimento. Ma per sperare devi avere la certezza su una cosa presente. La Speranza come certezza in una cosa futura poggia su tutto il passato cristiano, poggia su tutta la memoria cristiana, poggia su tutta la certezza di quella Presenza che è incominciata duemila anni fa ed è arrivata fino a te. Se non c'è puoi solo dar spazio all'immaginazione.
    "Domani vinco al lotto è divento ricchissimo". Le esigenze del cuore pretendono di essere esaudite. Siccome l'uomo non ha la forza di realizzarle, di raggiungere cioè il traguardo che esse fanno prevedere, l'uomo dà forma a questa pretesa secondo il volto, secondo la consistenza fragile e ultimamente illusoria che si chiama sogno. Il cuore dell'uomo sogna, dà una forma positiva al suo cammino. Ma il sogno del cuore dell'uomo non può sostenere le ragioni di una certezza, della certezza che le esigenze siano esaudite.







    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gus, per questa tua bella e ricca analisi.
      sinforosa

      Elimina
  2. Cara Sinforosa, leggiamo tutti i giorni di catastrofi che succedono ovunque, vorrei chiederti che cosa pensi, resta solo speranza.
    Ciao e buona serata, è tornato il caldo! Un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, dobbiamo sempre sperare, nonostante tutto.
      sinforosa

      Elimina
  3. E sempre un piacere passare nel tuo blog e leggerti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lina, sei molto gentile.
      Buon pomeriggio.
      sinforosa

      Elimina
  4. ciao Sinforosa, ti scrivo dal letto, non sto bene ho la diverticolosi, ho molto male...martedì operano papà e poi finiti gli antibiotici che sto prendendo mi ricoverano di urgenza per rss e vedere cosa devono fare...un anno tremendo Sinforosa, ma non perdo la speranza che andrà tutto bene...prega per me e i miei cari...sarò assente per un po' di tempo un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace tantissimo e ti assicuro che ti ricorderò nella preghiera. È iniziato proprio male questo 2017 per te e non è ancora finita. Dobbiamo credere fino in fondo che tutto si risolverà per il meglio.
      Immagino la tua sofferenza, non solo fisica, con questo caldo, poi, che non dà forze né fisiche né mentali per reagire. Tieni duro e cerca di stare serena, nonostante tutto. Ti abbraccio forte forte.
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG. TUTTI I COMMENTI SARANNO PUBBLICATI.