La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

lunedì 24 aprile 2017

Hans Christian Andersen

Nasce il 2 aprile 1805 a Odense, in Danimarca, in una famiglia poverissima e fortemente disagiata (padre calzolaio, che preferisce la stravaganza e la musica al lavoro, una madre più vecchia del padre di quindici anni, una sorellastra avuta dalla madre, una bisnonna comune ad entrambi i genitori, una nonna - la madre di lei - che ha avuto tre figli fuori del matrimonio fra i quali uno disturbato psichicamente e una che gestisce una casa di prostituzione). Nonostante, o grazie, a questo substrato sociale, Andersen assorbe, soprattutto dal padre, quelle sollecitazioni fantastiche che gli permetteranno in seguito di divenire lo scrittore che è diventato.
Rimasto orfano di padre a soli undici anni, Han Christian si ritrova ben presto solo con sé stesso (la madre risposata quasi subito, diventerà alcolista), preferendo la solitudine alla compagnia dei coetanei e lasciando libero sfogo alla sua sfrenata fantasia. All'età di quattordici anni lascia la città natale per recarsi a Copenaghen con nel cuore la speranza di diventare attore.
A Copenaghen, Andersen passerà a lavorare in teatri con ruoli di cantante, ballerino, attore, comincerà a frequentare scuole fino a quella di grammatica e latino di Slagelse pagatagli dallo stesso sovrano di Danimarca Federico VI conosciuto fortuitamente e che lo prese subito in simpatia, fino a frequentare l'Università della capitale nella facoltà di filosofia.
Sta di fatto che la sua carriera di scrittore di fiabe si può collocare intorno al 1835 con la sua prima pubblicazione di Fiabe a cui seguiranno con cadenza annuale altre pubblicazioni.

Hans Christian Andersen creò un nuovo modo di scrivere includendo nelle sue storie molti dialoghi e usando un linguaggio comunemente parlato dalla gente del suo tempo.
Andresen descrive nel dettaglio personaggi buoni e cattivi  I suoi personaggi sfortunati, emarginati e infelici (La Piccola fiammiferaia) o personaggi diversi, presi di mira, scartati, emergono dalle sue fiabe (Il Brutto anatroccolo), quasi a rispecchiare, non poco, tutte le angherie subite nell'infanzia e nella giovinezza.
Andersen scrisse anche novelle autobiografiche, un diario composto da ben dodici volumi e opere per teatro, conquistando grande successo.
Morì a Copenaghen il 4 agosto 1875.

Di Andersen ricordiamo, oltre alle sopracitate Il Brutto Anatroccolo e La Piccola Fiammiferaia o la bambina dei fiammiferi, anche

  • Mignolina
  • La Sirenetta
  • Il soldatino di piombo
  • L'acciarino
  • Il grano saracrno
  • La principessa sul pisello
  • Il bambino cattivo
  • I vestiti nuovi dell'imperatore
  • I cigni selvatici e molte altre      


sinforosa castoro
Leggi anche la Sesta parte e commenta, se vuoi.

Nessun commento:

Posta un commento

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.