La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

giovedì 20 aprile 2017

Mio papà fuma le candele

Il discorso è quello del fumo; si è andati su questo argomento per puro caso. Ci sono mamme e papà che fumano, altri hanno nonni o fratelli e sorelle grandi. La conversazione verte sul danno che può causare il fumo, alcuni parlano di sigarette, altri di pipe o sigarette "finte" (elettroniche) o di sigarette "quelle grosse così" (toscani).
Salta su un bimbo: «Mio papà fuma».
«Ma no, sei sicuro?».
«Sì».
«E il tuo papà cosa fuma?».
«Le candele. Anche mia mamma».

 In questi frangenti ditemi voi come si fa a rimanere seri?  



sinforosa castoro

9 commenti:

  1. ehe! i bambini sono troppo forti!
    baci Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria, non ho parole. Ah, ah, ah.
      Ciao.
      sinforosa

      Elimina
  2. Cara Sinforosa, a volti i bambini sanno farci ridere ne abbiamo bisogno...
    Ciao e buna giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Tomaso, meno male che ci sono loro a farci ritrovare il sorriso.
      Buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  3. Risposte
    1. Vero? Ma anche stamattina ribadiva che il papà si fuma le candele. Mah!
      Ciao Gus e buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  4. Ahahahahah! Ma come fanno a tirar fuori 'ste cose??? XD Meravigliosi! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, non lo so. Neanche a inventarle riusciremmo a trovare battute del genere.
      Ciao Glò e buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  5. Oggi mentre ti scrivevo un commento a un altro post, mi è venuta alla mente una storia vera, che ha per protagonista la nonna di mio marito...era tempo di guerra, il bis nonno di Miki che si chiamava anche lui come mio marito...Giorgio... era partito per la guerra, con la Cuneense, sezione di Cuneo, battaglione Alpini... mancavano tre mesi dalla nascita del suo unico figlio... il destino lo porterà fino in Russia come altri ragazzi di Monastero... scriveva appena poteva e la sua moglie rispondeva mandandogli calze e stecche di sigarette... poi un giorno quel pacco ritornò al mittente... la giovane moglie prese il figlio, andò al pilone al inizio del paese, si sedette a guardare l'orizzonte in silenzio, dicendo al figlio "aspettiamo forse vediamo arrivare papà"... prese in mano quel pacchetto di sigarette che era tornato indietro e iniziò a fumare una sigaretta...la prima di tante...finì il pacchetto, poi la stecca, ne comprò altre...Questa è la storia di una prima sigaretta...
    baci Valeria

    RispondiElimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.