La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

sabato 2 aprile 2016

Autismo

Oggi l'attenzione di tutti è sull'Autismo. 
La sindrome autistica, sempre più in crescita in questi ultimi anni (forse perché ora sappiamo dare un nome specifico alle difficoltà che un bambino manifesta già dalla più tenera età?), è assai complessa, di difficile diagnosi (nella sfera autistica entrano anche la Sindrome di Asperger), ma se riconosciuta già dai primi anni di vita può facilitare di molto la vita di chi ne è portatore e della sua famiglia. 
Personalmente ho sempre nutrito un forte interesse verso questo disturbo neuro-psichiatrico tanto che la mia tesi di allora fu proprio sull'Autismo e nella mia esperienza scolastica, purtroppo, ho conosciuto parecchi bambini autistici. L'occhio attento ed esperto delle maestre d'infanzia sa riconoscere un bambino con tale disturbo ancor prima degli specialisti, che, giustamente, prima di dare ai genitori una simile notizia vogliono accertarsene con osservazioni e test. La maestra esperta e attenta lo individua immediatamente, fra i tanti bambini. Ma da che cosa? Da svariati segnali che vanno da posture e movimenti caratteristici, assenza di linguaggio verbale o ecolalia (ripetizione ossessiva di parole o frasi), assenza di comunicazione visiva o sguardo sfuggente, sguardo nel vuoto o attenzione eccessivamente prolungata verso un oggetto, atteggiamenti maniacali, incapacità di affrontare "il nuovo", incapacità di riconoscere emozioni, ridere o canticchiare o fare versi senza alcun motivo, isolamento o incapacità di relazionare... 
Insomma, noi maestre ce ne accorgiamo immediatamente, speriamo di esserci sbagliate, aspettiamo, osserviamo, facciamo prove e poi... siamo "costrette", dal nostro dovere professionale, a comunicarlo ai genitori. 
Incomincia un iter lungo e sofferto, si sa, tuttavia prima è diagnosticato e prima di può intervenire, per il bene del bambino e di tutta la sua famiglia.




Dalla rete
sinforosa castoro

6 commenti:

  1. Grave problema l'autismo, mia figlia è specializzata proprio nella cura di questi bambini.. oggi ho sentito una notizia molto bella,hanno ammesso 3 ragazzi autistici alla LUISS di Roma. Si stanno facendo enormi passi in avanti sia nella prevenzione sia nella diagnosi precoce. Naturalmente le insegnanti di Scuola dell'Infanzia hanno un ruolo chiave nell'individuare precocemente la sintomatologia, in questo, come in altri disturbi. Grazie cara,sei molto competente. 👍👍👍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una diagnosi precoce può essere davvero di grande aiuto, certo che comunicare ai genitori che noi insegnanti rileviamo qualcosa che non va è sempre difficile, soprattutto quando i genitori faticano ad accettare queste nostre perplessità e così i tempi si allungano, ma è nostro dovere farlo per il bene del bambino.
      Grazie e complimenti a tua figlia per il lavoro che svolge.
      sinforosa

      Elimina
  2. grazie Sinforosa io ho la fortuna di aver conosciuto dei ragazzi speciali così e ne sono stra felice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono davvero speciali.
      Buona serata
      sinforosa

      Elimina
  3. ciao Sinforosa oggi ho pensato a te...sto organizzando la giornata del disabile per la fiera un asino per amico e quest'anno volevo far mangiare pranzo hai ragazzi che parteciperanno sotto la tenda...ma mi sono dovuta scontrare contro una ragazza del paese...lei non voleva visto le loro disabilità...perchè? perchè spaventavano le altre persone e non meritava fare da mangiare solo per loro...mi sono inc.ta come una bestia ho lottato tanto ma ho vinto io grazie al appoggio di altri volontari del direttivo della ProLoco tra i quali mio marito e mio figlio... questo per dirti che siamo nel 2016 e ci sono ancora persone che vedono diversi questi ragazzi e nel loro io li disprezzano pure
    Io mi batterò fino a quando potrò per organizzare questo evento, siamo alla 9° edizione... tu sai quanto ci tenga a questo evento... i miei ragazzi speciali del Centro mi hanno già confermato la loro partecipazione e io sono stra felice
    Un bacio cara Sinforosa Valeria

    RispondiElimina
  4. Sei fantastica, Valeria, così si fa.
    Purtroppo ci sono ancora tante persone ottuse e non sensibili ai problemi altrui come se fossero immuni da ogni evento spiacevole.
    So che ci tieni tanto a questo evento e fai bene a dedicare tempo ed energie, la cosa più importante è rendere speciale quella giornata per bambini/ragazzi speciali.
    Un abbraccio
    sinforosa

    RispondiElimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.