La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

sabato 16 aprile 2016

Francesco a Lesbo

Oggi Papa Francesco è a Lesbo. Con lui il Patriarca ecumenico Bartolomeo e l'arcivescovo ortodosso di Atene Ieronymos. I tre hanno firmato una dichiarazione Congiunta nella quale si legge anche:  “La tragedia della migrazione e del dislocamento forzati, richiede una risposta di solidarietà, compassione, generosità e un immediato ed effettivo impegno di risorse. Da Lesbo facciamo appello alla comunità internazionale perché risponda con coraggio, affrontando questa enorme crisi umanitaria”.

Il link per leggere il testo integrale della Dichiarazione
http://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2016/april/documents/papa-francesco_20160416_lesvos-dichiarazione-congiunta.html

Il Papa ricorda a tutti noi che i migranti, prima ancora di essere numeri, sono persone. Hanno un nome, una storia, un volto e un cuore come ciascuno di noi e desiderano, come ciascuno di noi, soprattutto, la serenità e un futuro migliore per sé e i loro figli.
Dinanzi al grido disperato di questi nostri fratelli e sorelle, un grido davanti al quale non si può e non si deve rimanere indifferenti, se non si può fare qualcosa o molto, di concreto, almeno li si ricordi assiduamente nella preghiera.

Il link della Preghiera del Papa
http://www.avvenire.it/Chiesa/Pagine/la-preghiera-del-papa-a-lesbo-per-i-migranti.aspx




sinforosa castoro

2 commenti:

  1. Durante la seconda guerra mondiale mio padre, con i suoi genitori e la sorella, è dovuto scappare in Francia. Un'altra sorella è nata lì. Mio nonno, imprenditore, aveva espresso "idee antifasciste" secondo i parametri dell'epoca. La storia è piena di particolari, sarebbe troppo lunga e sembra un romanzo a raccontarla, in conclusione sono scappati all'imbrunire, senza neppure una valigia, perché neppure i vicini di casa dovevano sospettare nulla. La loro vita in Francia non è stata affatto semplice...
    Quando vedo i migranti mi piange il cuore, mi ricordano il viaggio di mio padre bambino.
    E' tutto troppo complicato, veramente l'unica cosa che resta è pregare e, quando possibile, aiutare.
    Ciao
    Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio vero che dietro a ciascuno c'è tutta una storia, una storia unica e irripetibile.
      Grazie mille per la condivisione.
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.