La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

venerdì 23 dicembre 2016

The Pogues Featuring Kirsty MacColl. Fairytale of New York

Una canzone natalizia un po' particolare, il 18 dicembre 2007 la BBC la censurò per poi riabilitarla subito dopo. La canzone dei Pogues, un gruppo irlandese, pubblicata nel 1987, ed eseguita insieme alla cantante Kirsty MacColl, ebbe da subito un grande successo, per me è poesia che dedico a tutti voi che passate di qui.





TESTO
Era la vigilia di Natale, piccola
Nella cella per gli ubriachi
Un vecchio mi disse
Non ne vedrai un altro
Ma poi cantarono una canzone:
“The Rare Old Mountain Dew”
Ho girato il viso
E ti ho sognata
Fu una cosa fortunata
Entrarono diciotto a uno
Ho la sensazione
che quest’anno sia per te e me
e allora buon Natale
ti amo piccola
vedo tempi migliori
dove si avvereranno tutti i nostri sogni.
Hanno macchine grandi come pub
Hanno fiumi d’oro
Ma il vento ti passa attraverso
Non è un posto per vecchi
Quando all’inizio mi prendesti per mano
In un freddo giorno di natale
Mi assicurasti che broadway mi stava aspettavando
Sei bella, sei carina
Regina di New York
Quando la band smise di suonare, ne chiesero ancora
Sinatra dondolava, gli ubriachi cantavano
Ci baciammo in un angolo
E ballammo nella notte
E i ragazzi del coro NYDP cantavano “Galway Bay”
E le campane risuonavano
Per il giorno di Natale
Sei un mantenuto, sei un teppista
Sei una vecchia puttana drogata
Lì sdraiata quasi morta con la flebo in quel letto
Tu feccia tu verme
Tu piccolo frocio da quattro soldi
Buon natale coglione, prego Dio che
sia l’ultimo per te
E i ragazzi del coro NYDP cantavano ancora
“The Galway Bay”
E le campane risuonavano
Per il giorno di Natale
Avrei potuto essere qualcuno
chiunque potrebbe esserlo
Mi togliesti i sogni
Quando all’inizio ti trovai
Li ho presi con me, piccola
Li ho messi con ciò che mi appartiene
Non posso farcela da solo
Ho costruito i miei sogni attorno a te
E i ragazzi del coro NYDP cantavano “The Galway Bay”
E le campane risuonavano
Per il giorno di Natale


sinforosa castoro

4 commenti:

  1. cara Sinforosa, come ho scritto in un post nel mio blog, sono stata in un posto speciale, Sergio dopo mesi d'ospedale è tornato a casa l'ho abbracciato fino alle lacrime, Paola è ancora in ospedale a Perugia...rientrerà dopo il 7 l'ho sentita al telefono
    Sinforosa oggi per me è Natale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io sono superfelice per te e con te.
      BuonNataleeee.
      sinforosa

      Elimina
  2. Non avevo mai letto il testo di questa canzone anche se percepivo l'attmosfera.
    Grazie per questa chicca.
    Buon Natale Sinforosa <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Anna Maria, buone feste.
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.