La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUI. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

sabato 2 febbraio 2019

Santa Caterina de 'Ricci


Caterina nasce a Firenze il 25 aprile del 1523. Rimane orfana di mamma a cinque anni e viene accolta nel monastero benedettino di San Pietro in Monticelli. Fin da piccola, Caterina si sente spinta a meditare sulla passione di Gesù. Nonostante la disapprovazione del papà, Caterina esprime il desiderio di entrare nel monastero di San Vincenzo di Prato, ma il padre disapprova fermamente. Caterina si ammala fino ad andare in fin di vita. Davanti alla malattia della figlia, il padre, finalmente, acconsente al desiderio della figlia di entrare in monastero. Caterina guarisce miracolosamente. Entra nel monastero nel 1935 e nel 1936 emette i voti. In lei si alternano periodi di salute seguiti da periodi di grave malattia da cui guarisce ogni volta in modo davvero miracoloso. Caterina vive di preghiera, ha molte estasi mistiche che la portano nel cuore della Passione del Signore, la prima nel 1542 e poi settimanalmente per dodici anni, e che le lasciano anche segni sul corpo come le stimmate. Intorno a lei si forma un gruppo di discepoli, tra i quali alcuni futuri santi, che ricorrono a lei per preghiere e consigli. Caterina muore a Prato il 2 febbraio del 1590. L'ordine domenicano fa memoria di questa santa il 4 febbraio.

Dalla rete

sinforosa castoro

24 commenti:

  1. Cara Sinforosa, se si vuole imparare molte cose, passare da te!!!
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la conoscevo nemmeno io, Tomaso. Impariamo qualcosina insieme. Ciao e buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  2. Ricambio molto volentieri la visita sul tuo blog! Che bella scoperta! Un abbraccio collega e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Very e benvenuta, mi fa piacere saperti qui. A presto e buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  3. La vita dei Santi è molto interessante.Possiedo da anni dodici piccoli volumi , ciascuno dedicato ai santi per ogni mese dell'anno e mi piace sempre darci un'occhiata
    Buona serata,
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Franca, anche a me piace scoprire un po’ la vita di santi, soprattutto quelli che io stessa non so nemmeno che siano esistiti ed è sempre una bella scoperta. Grazie per l’apprezzamento e buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  4. Storia interessante questa di Santa Caterina De Ricci , l'amore per Dio era più forte dell'amore che nutriva per il padre. La fede smuove anche le montagne.
    Buona serata,
    Joanna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è la prima Santa che per amore al Signore va contro ai desideri della famiglia. L’amore vince sempre. Ciao Joanna e grazie.
      sinforosa

      Elimina
  5. Interessante, come sempre. Non conoscevo questa santa. Oltre che a Santa Caterina da Siena, sapevo di Santa Caterina d'Alessandria ed ecco che c'è anche Santa Caterina de Ricci. Devo dirlo alla mia amica più cara, che si chiama Caterina. Buon week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi, Mirtillo, nemmeno io la conoscevo, ma come sai mi piace scovare santi un poco o del tutto sconosciuti per... per conoscerli. Grazie e buona serata
      sinforosa

      Elimina
  6. Qui c'è sempre qualcosa da imparare... è bello leggere la storia di queste sante!
    buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Impariamo insieme, Roberta, credimi io imparo insieme a voi. Buona serata e grazie.
      sinforosa

      Elimina
  7. Santa Caterina scriveva al Papa di Avignone Gregorio XI lettere di fuoco invitandolo a comportarsi da uomo e far ritornare la Chiesa a Roma.
    Santa Caterina, una vera guerriera contro la mafia di Avignone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, Gus, “quella” Caterina, da Siena, è stata davvero una donna forte, decisa, non per niente papà Paolo VI l’ha definita dottore della Chiesa. Grazie e buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  8. Great post! Happy sunday!
    Would you like to follow each other? If the answer is yes, please follow me on my blog & I'll follow you back.

    http://www.okcheori.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you so much, Roseline, happy day.
      sinforosa

      Elimina
  9. Risposte
    1. Buona domenica a te, RobbyRoby, di cuore.
      sinforosa

      Elimina
  10. Come mai ti ha colpito o incuriosito qst Santa?
    Ciao Sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplicemente perché non la conoscevo. Ciao Fiore e grazie.
      sinforosa

      Elimina
  11. Molto interessante. Non conoscevo questa Santa. Grazie per il post. Buona serata. :)

    RispondiElimina
  12. Grazie a te per averlo letto. Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.

OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG, PURCHÉ SIA RISPETTOSO.

AVVISO
* Pur sapendo che è limitativo e me ne dispiace, per preservare i Lettori i commenti sono in moderazione e pubblicati il prima possibile.

* Come detto, poiché il RISPETTO viene prima di tutto, non sono pubblicati commenti a scopo di "pettegolezzo", offensivi, intolleranti verso chicchessia.

*La RESPONSABILITÀ del commento è sempre dell'AUTORE.

* Devi essere consapevole che il TUO username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile e che potrà rimandare al TUO Profilo di Blogger
POLICY PRIVACY

* Il Blog segue la BLOGTIQUETTE (qui sotto)
https://it.wikipedia.org/wiki/Blogtiquette

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO

CERCA NEL BLOG

RUBRICHE

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA