La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUI. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

martedì 30 giugno 2020

San Camillo di Lellis

Nasce il 25 maggio 1550 a Bucchianico di Chieti, in Abruzzo, dai nobili Giovanni de Lellis e Camilla de Compellis
Camillo è un bambino molto vivace e intelligente, all'età di tredici anni perde la mamma e segue il papà nella sua vita militare, incomincia a frequentare l'ambiente dei soldati ed è già pronto ad arruolarsi nell'esercito della "Lega santa" quando gli muore anche il papà.
Accortosi di una dolorosa ulcera alla caviglia fa ritorno a Roma per farsi curare all'ospedale san Giacomo degli Incurabili.
Parzialmente guarito, decide che il suo mestiere è fare il militare mercenario. Eccolo al soldo della Spagna, in Dalmazia e a Tunisi. Congedato nel 1574, Camillo perde tutti i suoi averi al gioco, inizia il suo vagabondaggio elemosinando, finché non viene accolto dai frati di san Giovanni Rotondo come manovale.
Qui, toccato dalla Grazia e dalle parole di un frate, si converte, è il 1575.
Intanto la sua piaga, che ormai si estende alla gamba, lo riporta a Roma al san Giacomo dove si accorge, forse per la prima volta, della sofferenza dei tanti ricoverati.
Incomincia a mettersi al servizio degli ammalati ma capisce che questo non è abbastanza. Gli viene l'ispirazione di fondare un gruppo di amici che, consacrati al Cristo Crocifisso, si dedichino totalmente ai sofferenti.
È così che nell'agosto del 1582 nasce la Compagnia dei Ministri degli Infermi, i cui primi statuti sono approvati da papa Sisto V.
Nel  1586 Camillo si trasferisce nel convento della Maddalena e inizia il suo ministero nell'ospedale di Santo Spirito in Sassia, nel frattempo sotto la guida di Filippo Neri riprende gli studi e il 26 maggio 1583 è ordinato sacerdote.
La sua "Compagnia" incomincia a diffondersi in ogni dove: è nato un nuovo ordine religioso che in breve tempo raggiunge molte altre città: Napoli, Milano, Palermo, Bologna, Mantova, Genova.
Ormai gravemente ammalato, Camillo lascia la direzione dell'Ordine, è il 1607 ma fino alla morte continua ad assistere amorevolmente gli ammalati e i sofferenti.
Muore nel convento della Maddalena, divenuto sede del suo Ordine, il 14 luglio 1614 all'età di 64 anni
È beatificato il 7 aprile 1742 da Benedetto XIV, che lo canonizzerà il 29 giugno 1746.
Nel 1886 papa Leone XIII lo dichiara, insieme a san Giovanni di Dio, "Patrono degli ospedali, dei malati e degli infermieri". 
Paolo VI, nel 1964, lo proclama Patrono della Regione Abruzzo e nel 1974 "Protettore della sanità militare italiana".
La memoria di san Camillo, padre dei camilliani, si celebra il 14 Luglio.


Dalla rete

sinforosa castoro

20 commenti:

  1. Ho imparato qualcosa di nuovo, grazie! Grazie di cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nick ti assicuro che imparo anch’io in contemporanea con tutti voi, grazie a te. Buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  2. Conoscevo la sua storia. Solo la fede può cambiare un uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando una persona incontra il Signore tutta la sua vita cambia prospettiva e quello che era non può più essere, si diventa davvero persona nuova.
      sinforosa

      Elimina
  3. Molto toccante, non avevo letto nulla in proposito,nonostante i miei libri sui Santi...San Camillo mi è sfuggito
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È nota bene che io faccio una brevissima sintesi sulla vita di queste persone davvero straordinarie che sono i santi di ieri e di oggi. Ciao Franca, serena notte e grazie.
      sinforosa

      Elimina
  4. Cara Sinforosa, ogni tuo post ci insegna qualcosa!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Tomaso, ti ricordo però che imparo anch’io con voi. Buona notte:)
      sinforosa

      Elimina
  5. Non conoscevo la sua storia, grazie di cuore per la condivisione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’ho conosciuta insieme a voi, grazie a te, Giada, per l’attenzione. Buona giornata:)
      sinforosa

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ciao Enfim, grazie per l’attenzione e serena giornata:)
      sinforosa

      Elimina
  7. Risposte
    1. Grazie a te, Irina, per l’attenzione. Buon mese di luglio.
      sinforosa

      Elimina
  8. L'ospedale dove sono nata, a Rieti, è intitolato proprio a lui :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti ospedali sono titolari a questo gigante della carità. Buon mese di luglio Dama e grazie.
      sinforosa

      Elimina
  9. San Camillo De Lellis.... a vedere quel santino, mi sono tornati in mente i miei 44 anni e passa di lavoro presso la casa editrice Bonella, che produceva per l'appunto, santini, biglietti, pagelle, pergamene, icone... ecc. ecc. e son stati ricordi piacevoli, ho spulciato nel catalogo, ma non l ho trovato.... mumble mumble, però ricordo bene si chiama De Lellis.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che lavoro interessante che hai svolto! Mi piacerebbe saperne di più. Ciao Stefano, buona serata.
      sinforosa

      Elimina
    2. interessante era la storia dei santi, ed interessanti certi clienti, c'era un americano, che tutte le volte che arrivava in Italia, voleva che fossi io ad accompagnarlo in giro... con la mia piccola macchinetta... (io ero un impiegato, contabile, ma in quei giorni svincolato dalla scrivania mi divertivo un sacco... e pagava tutto lui !!!)

      Elimina
    3. Vedi! Chissà quanti personaggi avrai incontrato, bello, davvero. Ciao Stefano. Buona settimana.
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.

OGNI COMMENTO È UN REGALO E ARRICCHISCE IL BLOG

AVVISO
* Pur sapendo che è limitativo e me ne dispiace, per preservare i Lettori da commenti offensivi da parte di eventuali Blogger non educati e irrispettosi (come è successo, purtroppo), i commenti sono in moderazione e pubblicati il prima possibile.

*La RESPONSABILITÀ del commento è sempre dell'AUTORE.

* Devi essere consapevole che il TUO username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile e che potrà rimandare al TUO Profilo di Blogger
POLICY PRIVACY

* Il Blog segue la BLOGTIQUETTE (qui sotto)
https://it.wikipedia.org/wiki/Blogtiquette

AIUTIAMO I BAMBINI DEL KOSOVO

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO

CERCA NEL BLOG

RUBRICHE

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA