La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUI. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE DELL'ATTENZIONE

venerdì 27 gennaio 2017

Facciamo memoria

Oggi voglio riproporre questo post del 27 gennaio 2014

«Bambini, oggi è il Giorno della Memoria. Sapete che cosa vuol dire?».
«Noooo».
«Che cosa vuol dire memoria?».
«Perché si ricorda tutto. Io mi ricordo quando hai parlato di quello là che è andato sulla luna».
«Bravo! Avete sentito il vostro amico? Si ricorda di quando abbiamo giocato ad andare sulla luna con la navicella. Vi ricordate anche voi?».
«Sììì».
«Giorno della Memoria vuol dire che oggi ricordiamo tutte quelle persone che sono morte, tanti e tanti anni fa, io non ero ancora nata quando è successo... ».
«E allora come fai a saperlo?».
«Perché qualcuno me lo ha detto... ».
«La tua maestra?».
«Sì, la mia maestra, e anche voi, quando diventerete grandi, lo studierete sui libri. Allora, qualcuno che allora comandava... ».
«Il re?».
«No, non era un re, era un uomo, come tutti, ma che credeva di essere più importante di tutti e così aveva comandato ai suoi soldati di prendere e uccidere tutte le persone che a lui non piacevano. Ma vi sembra una cosa da fare, solo perché erano diversi da come lui voleva?».
«No. Come fa lui che vuole sempre comandare e dice le regole e non mi fa giocare».
«Ecco, hai sentito il tuo amico? Devi imparare a far giocare tutti e a non fare il comandino, altrimenti resterai solo, senza amici, e non è bello, vero?».
«Pensate, bambini, quel signore...».
«Come si chiamava?».



«È un nome un po' difficile da ricordare, si chiamava Adolf Hitler. Anche lui, quand'era piccolo, era un bambino come tutti voi, poi, però, diventato grande, ha cominciato a pensare che tutti dovevano essere come lui voleva e se qualcuno non era come lui voleva o non faceva quello che lui comandava lo faceva arrestare e su un treno lungo lo faceva portare in un posto bruttissimo... ».
«Come una prigione?».
«Sì, come una prigione, ma molto più brutto. In quel posto le persone dovevano fare tutto quello che comandavano i soldati. Lavoravano tanto, non avevano niente da mangiare e poi venivano uccise. Ecco perché oggi ricordiamo quelle persone, perché tanti anni fa, proprio come oggi il 27 gennaio, altri soldati entrarono in quel posto e liberarono le persone che c'erano dentro e che erano ancora vive... ».
«Così non le hanno uccise!».
«E sì, quelle persone, che furono liberate, erano finalmente libere. Meno male, eh? Fare memoria, bambini, vuol dire non dimenticare mai quegli uomini cattivi che hanno ucciso tutte quelle persone innocenti. Cosa vuol dire innocenti?».
«Che non hanno fatto niente».
«Bravissima. Fate un applauso. Innocenti vuole dire che non avevano fatto niente di male, eppure loro le hanno arrestate e fatte uccidere... ».
«Poverine».
«Ma vuole dire anche ricordare cosa può succedere quando uno vuole comandare tutti gli altri e questo non deve succedere, mai più».
«Sì, come lui che vuole comandare tutti».
«Sì, ma lui adesso ha capito che non deve fare il comandino, vero?».
«Sì».
«Bravo. Hai sentito, Luca? Adesso, bambini, ognuno fa un disegno di quello che abbiamo detto, va bene?».
E si mettono al lavoro, mentre continuano a fare considerazioni sull'argomento trattato e su quel bambino che comanda sempre al gioco.

sinforosa castoro

12 commenti:

  1. Wow! Che bella lezione! Semplice e chiara, istruttiva e coinvolgente!
    Chapeau, maestra Sinforosa!!!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie Patricia. Nonostante il tema sia caldo, ritengo importante e utile parlarne anche con loro, i bimbi di cinque anni, perché, a differenza di quanto magari si pensi, sono sensibilissimi e attenti alle storie vere.
    Una abbraccio
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero! Non sono troppo piccoli per sapere la verità, Più che altro la verità deve essere più soft del normale, visto appunto l'età. Per scoprire tutta la realtà hanno tempo più avanti ma intanto sannno già che nel mondo nnon ci sono solo i buoni. Che non ci sono solo bambini fortunati che vanno a scuola, hanno la merendina nello zainetto o il cellulare. Che ci sono e ci sono stati bambini sfortunati, genitori sfortunati.
      Ciao

      Elimina
  3. Hai espresso proprio bene il concetto.
    Non è per spaventarli o renderli pessimisti, bensì perché si rendano conto che loro sono fortunati, privilegiati.
    Ciao ciao
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Se mai dovessi avere un figlio, userò sicuramente questo tuo post per fargli sapere di questo giorno. Non è semplice trattare di questi argomenti e mi è piaciuto molto il tuo modo di farlo con i bambini,sei proprio brava :)

    RispondiElimina
  5. Grazie mille Vivy.
    Non so se sono davvero brava come dici. Io amo dialogare con le persone e quindi anche con i bambini e bambine della mia scuola. Sono sempre più convinta che i bambini, nonostante la loro giovanissima età - qui parliamo di bimbi dell'ultimo anno e cioè di cinque, cinque anni e mezzo -, sono degli interlocutori attenti, desiderosi di sapere e conoscere e, perché no, di riflettere.
    E semmai tu dovessi avere un bambino scommetto che saresti un'ottima mamma.
    Un abbraccio
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sono riuscita a passare prima.... ma grazie per le tue parole! Non so se lo sarei, spero in Dio e nel Suo aiuto per non essere un disastro, grazie per le tue parole :) ♥
      Certo che sei brava! Tu hai un dono e lo si legge in ogni post di questo blog, sicuramente da queli che ho letto fino ad ora :D
      E credo tu abbia ragione, i bambini comprendono moltissimo e le loro riflessioni da piccoli, sono molto importanti per l'adulto che diverranno, e persone come te possono solo far loro del bene :)
      un abbraccione anche a te!

      Elimina
  6. Una donna quando scopre di aspettare un bambino inizia un cammino, il cammino per diventare mamma. Quando poi il bambino è nato e lo tiene fra le braccia si domanda come ha potuto vivere fino a quel momento senza quel piccolino.
    L'amore di una mamma verso il proprio figlio è tale che sgorga naturale come acqua che zampilla da una fonte ed è un amore totale ed eterno. Se mai volessimo comprendere come Dio ci ama, dovremmo proprio guardare all'amore di una mamma verso i suoi figli e capiremmo e ci commuoveremmo, fino alle lacrime.
    Ciao Vivy, corro a scuola per la programmazione.
    sinforosa.

    RispondiElimina
  7. Complimenti per il tuo bellissimo blog! Ti seguo! Se ti va di ricambiare mi farebbe molto piacere
    http://linasglamworld.blogspot.it/2017/01/volume-e-brillantezza-con-i-prodotti_27.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Lina e grazie, verrò di certo a fare un giretto da te.
      Buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  8. Complimenti per il post. Hai usato le giuste parole per dei bambini, io ancora mi ricordo la crudità che le mie maestre usavano trattando questi temi!
    MI sono iscritta al tuo blog spero ricambierai :)
    http://goldbeautyyy.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta anche a te, spero che i miei bimbi non si ritrovino fra un po' di anni col tuo stesso ricordo.
      Passerò di certo a trovarti.
      Buona serata.
      sinforosa

      Elimina

COMMENTI, SUGGERIMENTI, CRITICHE SONO BEN ACCETTI IN QUESTO BLOG.

ULTIMI COMMENTI