La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

mercoledì 19 agosto 2015

Vademecum per imparare ad amare la lettura

Sovente i genitori si domandano come invogliare i figli alla lettura. Non ci sono regole fisse, semmai accorgimenti.
Non obbligate i figli con frasi tipo: "leggere fa bene", "leggere insegna", "leggere è bello"... I figli preferiscono l'esempio alle parole. Se vedono genitori che leggono prima o poi si avvicineranno alla lettura. Questo non significa che i genitori non debbano fare nulla in proposito, anzi.
Fin dalla più tenera età dei figli, cari genitori, acquistare libri e libretti; ce ne sono davvero di meravigliosi e di ogni materiale, e fare in modo che i bambini prendano confidenza con loro fin dalla più tenera età.
Leggete loro piccole storie.
Guardate insieme a loro le immagini dei libri e commentatele.
Inventate con loro storie fantastiche.
Create delle storie con parole e immagini e fatele diventare piccoli libretti.
Leggete ai vostri figli, anche quando sono più grandicelli. Magari voi leggete loro e loro leggono a voi capitoli alterni di romanzi.
Fin da piccoli, portateli sovente in biblioteca, in libreria.
Fate scegliere loro quali libri portare a casa, anche se magari non condividete la loro scelta.
E che la vostra casa abbondi di librerie stracolme di libri...
Il libro è un bene prezioso per tutti, a ogni età.




sinforosa castoro

6 commenti:

  1. Ciao Sinforosa.
    L'esempio è il motore migliore per dare il via a quella eterna rova che è la lettura. Anche leggere insieme aiuta. Leggere e commentare quanto letto. Inventare finali alternativi. O addirittura rovare ad anticiparli e poi controllare se si è indovinato a no.
    Scegliere insieme i loro libri e, come dici tu, chiudere gli occhi ogni tanto se il titolo da loro scelto non ci sembra dei migliori. Poco per volta sceglieranno sempre meglio.
    L'importante è non obbligarli Se lo sentono come un dovere, un obbligo si disamorano della lettura.
    Ciao e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante, Patricia.
      Ciao e grazie mille per i suggerimenti
      sinforosa

      Elimina
    2. Non sono suggerimenti Sinforosa.
      E' quello che facevo io con la figlia quando era bambina.
      Lei mangiava e io le leggevo Rodari, le filastrocche. le favole... quando la mettevo a letto leggevo 2 o 3 favole di piccoli animali. Credo che abbiamo quasi consumato il libro.
      Quando è stata più altina, la domenica pomeriggio giocavamo. O creavamo qualcosa con le mani, qualche pasticcetto, oppure leggevamo e ci divertivamo ad inventare.
      Ci siamo divertite un mondo così!
      Ciao stella!

      Elimina
    3. E dici niente? Sono suggerimenti dettati dall'esperienza di una mamma in gamba, altroché.
      Salutami la tua quasi ventiseienne.
      sinforosa

      Elimina
  2. Come darti torto, sei un'ottima insegnante. Non c'è insegnamento migliore che l'esempio. Fornir loro libri alla loro portata, frequentare biblioteche, ma soprattutto sfogliare con loro il libro, il libro utilizzato come una coccola, raccontare e farsi raccontare storie, anche se il tempo è breve, deve essere piacevole. Dare valore hai libri costruiti da loro a scuola, non accantonarli. Migliorare la formazione di un buon lessico, permetterà loro di allargare le proprie vedute. Se uno si sa spiegare non ha bisogno della forza per farsi capire.
    Ciao a presto qua in giro :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te per le parole spese a favore della lettura, dei libri e del "bel parlare". Tutto comincia da lì, dal rapporto che ha il bambino con i suoi genitori, la mamma, soprattutto, che lo avvia, lo avviano, alla parola, alla frase, al racconto, alla lettura e via discorrendo.
      Come dici bene tu, una buona capacità di espressione linguistica fa andare lontano.
      Un abbraccio
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.

ULTIMI COMMENTI