La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUI. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

mercoledì 18 settembre 2019

Una storia di discriminazione, guerra, pace e amore

A proposito del POST di ieri e dei commenti che ne sono seguiti,
leggete questa storia, a Dio piacendo ci sentiamo dopodomani.



È un minuscolo libriccino illustrato, di poche pagine, ma di grande contenuto.
Si intitola ZANG ZANG di David McKee. Quadragono Librie ai bambini è piaciuto molto, tanto che lo hanno illustrato, hanno analizzato il testo, lo hanno drammatizzato e via dicendo.





Una volta tutti gli elefanti del mondo erano bianchi o neri.



















e andavano d'accordo con tutte le creature, ma tra di loro si odiavano: gli elefanti bianchi non potevano soffrire quelli neri e viceversa.

Così ognuno se ne stata dalla sua parte di giungla, bianchi di qua e neri di là.










Un giorno gli elefanti neri decisero di uccidere gli elefanti bianchi, proprio mentre i bianchi decidevano di uccidere quelli neri.


Allora gli elefanti delle due parti che amavano la pace andarono a vivere nel profondo della giungla nera. E nessuno li vide più.


Scoppiò la guerra. Zang! Zang!



La battaglia infuriava sempre più. Zang! Zang!



 E i combattimenti continuavano

Fin quando tutti gli elefanti, quelli bianchi e quelli neri, caddero morti.


Per anni non si videro più elefanti nel mondo. Finché un giorno, i pronipoti degli elefanti che amavano la pace uscirono dalla giungla. Erano tutti grigi.


Da allora gli elefanti sono sempre vissuti in pace.





















Solo di recente, quelli con le orecchie piccole hanno incominciato a guardare in modo alquanto strano quelli con le orecchie grandi. E viceversa.


sinforosa castoro
Vai all'altra Storia

34 commenti:

  1. Il soggetto è decisamente l'uomo che non impara mai dai propri errori e probabilmente mai imparerà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai, Nyu, purtroppo non impariamo dagli errori già commessi. Buona giornata.
      sinforosa

      Elimina
  2. Ho letto un simbolismo interessante. Le immagini sono stupende.

    RispondiElimina
  3. Cara Sinforosa, credo che noi tutti, dovremmo imparare dai bambini,
    loro anno il senso della vita con altre angolazioni, non odiano mai.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene, sebbene a volte i bambini si prendano per i capelli loro non odiano e non discriminano, dovremmo imparare da loro, sì. Buona giornata.
      sinforosa

      Elimina
  4. Una storia per i piccoli, che ci riporta al mondo dei grandi. Perchè , dove c'è una guerra ci possono essere solo vinti, nessuno vince veramente . Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto, Mirtillo, la discriminazione e l’insofferenza per chi percepiamo come diverso non può che alimentare l’odio e l’odio sovente sfocia in atti criminali che alla fine non portano a niente se non ad altra sofferenza. Buona giornata.
      sinforosa

      Elimina
  5. I disegni dei bambini sono bellissimi e dimostrano di aver ben capito la storia. Per assurdo, ricordo che, almeno venti anni fa, sono andata a Praga e Budapest con un viaggio organizzato . Avevamo un pullman a due piani e ognuno aveva il suo posto fisso, o sopra o sotto. Non sai quante rivalità si sono scatenate fra chi stava sopra e chi stava sotto, quello che andava bene per gli uni non andava bene per gli altri e viceversa. Un viaggio di una settimana tra battibecchi continui, dai quali io mi sono totalmente estraniata, anche se hanno cercato di tirarmi in mezzo, e mi sono goduta i posti perchè mi sembrava di essere a scuola tra tanti bambini attaccabrighe. Questo per dire come è difficile accettarsi e andare d'accordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa tua storia ci fa capire quanto siamo limitati e ottusi:)
      sinforosa

      Elimina
  6. La sensibilità dei bimbi è grande e c'è da sperare che diventi valore universale
    Buona serata,
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi unisco alla tua speranza anche se la vedo dura. Buona giornata.
      sinforosa

      Elimina
  7. Risposte
    1. Welcome! Thanks, I'll come to see you. Good evening :)
      sinforosa

      Elimina
  8. Io non guardo il colore della pelle ma il comportamento. Non si può nemmeno generalizzare. Ottimo post e splendidi disegni che fanno ben sperare in un futuro migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara, la storia, semplice, è molto significativa e dovrebbe indurci a pensare e agire di conseguenza scegliendo l’apprezzamento delle diversità e non la paura delle diversità. Per me le diversità sono una ricchezza inestimabile e resto convinta che la nostra Italia fra trenta, quarant’anni sarà un paese formato da gente bella, frutto della mescolanza di popoli. Buona serata:)
      sinforosa

      Elimina
  9. bellissimo questo racconto che ha un significato così importante e attuale
    Bello come i tuoi bambini hanno interpretato il tutto.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, nella sua semplicità è una storia che insegna tanto. Ciao Valeria e buona notte. Abbraccio.
      sinforosa

      Elimina
  10. Dopo il primo giorno di scuola hanno chiesto a un bambino delle notizie sul suo compagno di banco.
    Lui l’ha descritto… ma quando gli hanno chiesto: di che colore ha la pelle?
    Ha risposto che non ci ha fatto caso.
    Tutti nasciamo “puri e puliti” poi noi adulti con i nostri egoismi, paure, pregiudizi, roviniamo tutto.
    Ciao cara Sinforosa, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo molti adulti sono di cattivissimo esempio e i bambini, si sa, sono carte assorbenti e si nutrono di ciò che respirano fra le mura domestiche. Buona serata Enrico e grazie per l'attenzione.
      sinforosa

      Elimina
  11. Un bel insegnamento per tutti gli adulti del mondo.
    Sereno pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una bella storia, sì. Grazie Cavaliere. Buona notte.
      sinforosa

      Elimina
  12. Ciao, la discriminazione è l'odio generano conflitti. Per fortuna nei bambini noto comunanza, affratellamento.
    Buona serata
    Rachele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I bambini non hanno i nostri parametri di giudizio, fortunatamente, e, nonostante alcuni adulti nella loro ottusità faranno modo di cambiare in loro questo atteggiamento, molti, grazie al cielo, cresceranno liberi da pregiudizi e l’Italia sarà più bella. Buona notte Rakel.
      sinforosa

      Elimina
  13. I bambini lo sanno e lo devo, é veri, saggi! Buona notte!

    RispondiElimina
  14. Sì, Francesco, i bambini intuiscono al volo le storture delle situazioni e noi “grandi” dovremmo imparare da loro e non condizionarli in modo negativo. Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  15. Bellissimo! Grazie cara Sinforosa per questo post. i bambini hanno collaborato e capito ...spero facciano altrettanto i genitori... prima si capisce che questa sarà l'evoluzione e meglio è.
    abbraccio
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe proprio bello anche se, ne sono convinta, sia per chi è d'accordo che per chi non lo è, questo sarà il futuro della nostra Italia e di ogni Paese del mondo, indipendentemente dai Proclami-contro: Evviva! Ciao Gio.
      sinforosa

      Elimina
  16. Che meraviglia cara sinforosa questo racconto,poi con i bellissimi disegnidei tuoi alunni è di grande Emozione.

    Complimenti ,grazie per tutto.
    Un abbraccio per un buon fine settimana.

    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una storia tanto semplice quanto efficace per farci comprendere la tematica così complessa della discriminazione. Grazie a te per l’apprezzamento e buona fine di settimana a te:)
      sinforosa

      Elimina
  17. Complimenti per la splendida iniziativa, bravissimi i tuoi alunni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabriella e un evviva a questi bimbi che ascoltano, capiscono e dimostrano. Buona serata:)
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.

OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG, PURCHÉ SIA RISPETTOSO.

AVVISO
* Pur sapendo che è limitativo e me ne dispiace, per preservare i Lettori da commenti offensivi da parte di eventuali Blogger non educati e irrispettosi (come è successo, purtroppo), i commenti sono in moderazione e pubblicati il prima possibile.

*La RESPONSABILITÀ del commento è sempre dell'AUTORE.

* Devi essere consapevole che il TUO username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile e che potrà rimandare al TUO Profilo di Blogger
POLICY PRIVACY

* Il Blog segue la BLOGTIQUETTE (qui sotto)
https://it.wikipedia.org/wiki/Blogtiquette

AIUTIAMO I BAMBINI DEL KOSOVO

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO

CERCA NEL BLOG

RUBRICHE

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA