La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

domenica 27 novembre 2016

Saliamo sull'arca

Prima domenica di Avvento, per la Chiesa primo giorno dell'anno liturgico.
Le Letture di oggi ci indicano due atteggiamenti fondamentali del cristiano e soprattutto del cristiano all'alba di questo nuovo anno liturgico: la speranza e la vigilanza.

  • Isaia, nella prima Lettura, ci presenta il mondo come Dio lo ha pensato e che non smette di desiderare: un mondo dove gli uomini finalmente vivono  in pace, perché, ricordiamolo, Dio, non ha creato cristiani, Dio ha creato uomini e donne, e per tutti gli uomini e donne ha mandato suo Figlio.
  • Anche il Salmo responsoriale è colmo di questa speranza: "Quale gioia quando mi dissero: «Andremo alla casa del Signore...».".
  • Nella seconda Lettura, san Paolo ci rammenta di svegliarci dal sonno, di evitare di vivere la vita come se fosse unicamente quella del tempo presente. Ci invita ad allargare il nostro sguardo sull'orizzonte che ci aspetta.
  • Nel Vangelo di Matteo, infine, il Signore ci mette in guardia dal vivere distrattamente come ai tempi di Noè ...come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell'arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo... 
Facciamo propri queste indicazioni, saliamo anche noi con Noè sull'arca (simbolo della Chiesa) e salviamo la nostra e l'altrui umanità, come fu chiesto di fare all'antico Patriarca.




















sinforosa castoro

4 commenti:

  1. Cara Sinforosa, saliamo nell'arca e andiamo verso l'ignoto!!!
    in quel tempo era veramente l'ignoto!!!
    Ciao e buona settimana con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, Tomaso, oggi almeno l'ignoto è stato rivelato.
      Buona serata amico caro.
      sinforosa

      Elimina
  2. Grazie cara Sinforosa!
    Che questo Avvento ci porti lontano, in luoghi ricchi di amore e di pace!
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo e facciamo di tutto perché ciò avvenga.
      Grazie e buona serata
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.