La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUA. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog o SCRIVENDOMI A QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

lunedì 28 novembre 2016

La vita senza meta è vagabondaggio

"La vita senza una meta è vagabondaggio", asseriva Seneca. Quanti di noi hanno la sensazione di girare a vuoto? Forse tanti, troppi, anche fra i giovani e i giovanissimi. Perché? Perché è così importante trovare una meta da raggiungere, ovvero più mete da raggiungere nel corso della propria esistenza? La vita ha già in sé ragione di essere, tuttavia se non si intravvede una meta, uno scopo, nella vita, si ha come la sensazione di non viverla appieno, si rimane delusi, scontenti, a volte apatici e senza gioia. 
 proprio la possibilità di realizzare un sogno che rende la vita interessante" dichiara Paulo Coelho, mentre il mistico indiano Inayat Khan afferma: "Beato colui che ha trovato nella vita lo scopo della propria esistenza". 
Insomma, pare proprio che il tema abbia percorso epoche e uomini di ogni tempo e cultura. In effetti se ne era già parlato in questo blog, ma questa volta il taglio è po' diverso. 
La riflessione mi è sorta ieri, leggendo il Vangelo di Matteo, quando il Signore dice: "... Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell'arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti..." . 
È quel: non si accorsero di nulla che mi ha colpito. 
Anche oggigiorno molti, davvero tante e tante persone, vivono come se la vita fosse solo magiare, bere, lavorare, divertirsi, preoccuparsi, prendere moglie, marito... e spesso non si accorgono di ciò che si svolge attorno a loro, in loro
Si vive alla giornata, non nel senso evangelico - che sarebbe auspicabile -, ma cogliendo l'attimo, come se tutta la ragione di vita stesse in quell'attimo e non avesse invece una apertura che si dilata su un orizzonte, che è infinito.



sinforosa castoro

6 commenti:

  1. Fose perchè è l'epoca dell'egoismo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e del tutto e subito?
      Grazie mille. Buona serata.
      sinforosa

      Elimina
  2. Il problema è che la vita di oggi, per mille cause, non è visibile a lungo termine.
    Quindi si è più vuoti, forse, ma costretti a vivere alla giornata e meccanicamente.

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Purtroppo.
    Grazie mille e buona serata anche a te, Miki.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Molto interessante perchè la cosa più giusta che hai asserito è che spessissimo si vive l'attimo senza preoccuparci che ci aspetta l'eternità!
    Bacio notturno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Nella. Buona giornata.
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.
SE TI FA PIACERE COMMENTA, SUGGERISCI, CRITICA.
OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG.