La Rete

LA RETE DIGITALE PUÒ ESSERE UN LUOGO RICCO DI UMANITÀ, NON UNA RETE DI FILI MA DI PERSONE UMANE.
Papa Francesco

BENVENUTO

BENVENUTO E GRAZIE PER IL TEMPO CHE DEDICHI A QUESTO BLOG. MI FA DAVVERO PIACERE CHE TU SIA QUI CON TUTTE LE SCELTE POSSIBILI CHE INTERNET OFFRE OGGI. SENTITI LIBERO DI CONDIVIDERE E COMMENTARE. I TUOI COMMENTI ARRICCHIRANNO IL BLOG E CHIUNQUE PASSERÀ DI QUI. SE LO DESIDERI PUOI ANCHE SCRIVERMI UTILIZZANDO
Il Modulo di Contatto Blog O SCRIVENDO A
sinforosacastoro@gmail.com

AGORÁ

AGORÁ. È L'ANIMO CHE DEVI CAMBIARE NON IL CIELO SOTTO CUI VIVI. L.A.Seneca.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

mercoledì 17 gennaio 2018

Una storia di amicizia

Faceva freddo, freddo, per forza era inverno e si era in gennaio! Il povero uccellino non sapeva più dove andare per trovare un amico, se ne erano andati tutti, volati via verso i paesi caldi qualche mese prima, ma lui no, lui aveva detto: «Voglio rimanere qua, non c' ho voglia di fare quel lungo viaggio, troppa fatica», solamente che adesso si sentiva tanto solo e per di più aveva fame. Cominciò a piangere...

... e il suo pianto arrivò alle orecchie, che se anche non si vedono ci sono, del Pupazzo di neve di Via Roma, una bella strada con un palazzo alto, alto e pieno di finestre.


«Ehi! Uccellino... Uccellino, sono io che ti chiamo, perché piangi?».
L'uccellino vide il Pupazzo di neve che lo chiamava a squarciagola, che vuol dire che lo chiamava a voce altissima. Per prima cosa, con le sue alette, si asciugò bene le lacrime e poi volò di corsa da lui.
«Ciao Pu- Pu-Pupazzo di neve, io pi-pi-piango pe-pe-perché non ho nemmeno un amico, sono volati via tutti, e p-p-poi ho tanta fame, anche».


«Su, su, non piangere, a tutto c'è rimedio, tu sei stato molto, molto coraggioso a voler rimanere qua, però adesso hai capito perché tutti i tuoi amici affrontano quel lungo viaggio, che è faticoso, sì, ma è necessario per non morire di freddo e di fame».
«E-e adesso io come faccio?».
«Adesso un amico lo hai trovato... Ma sono io, no?».
«È vero, posso stare con te, finché arriva la primavera?».
«Certo».
«Però, prima della primavera morirò di fame... ».
«Ma no! Vedi, ogni giorno i bambini di questo palazzo vengono da me e mi mettono un naso nuovo eh... guarda un po' oggi che naso ho?».
«... Ma è una carota!».
«Sì. Oggi una carota, domani un panino, ogni giorno un naso diverso».
«Posso?». Chiese l'uccellino.
«Ma certo, accomodati pure e... Buon appetito».
Da quel giorno Pupazzo di neve e l'uccellino diventarono amici inseparabili.
«Cip-cip-cip», canticchiava l'uccellino dalla felicità.


di sinforosa castoro
Vai all'altra Storia

12 commenti:

  1. Una bella storia d'amicizia che va oltre le differenze una lezione per chi invece vede solo le differenze!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una piccola storiella che può insegnare qualcosa. Nelle storielle che invento cerco sempre di trasmettere un piccolo messaggio che anche i bambini della scuola dell'infanzia possano recepire. Grazie mille Ofelia e buon pomeriggio.
      sinforosa

      Elimina
  2. Eheh, molto bella, anche se immagino lo strazio che potrà succedere in primavera XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, si, quello è un problema da risolvere. Grazie Miki e buon pomeriggio.
      sinforosa

      Elimina
  3. Bella questa storia, i bambini impareranno tanto!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso, ai bimbi ci vuole davvero poco per interessarli e farli lavorare di fantasia. Buon pomeriggio.
      sinforosa

      Elimina
  4. Sei una narratrice vaporosa di storielle che parlano chiaro ai cuoricini dei bembini che hai tu, i più innocenti, quelli che ti ascoltano narrare accosciati col nasino per aria e la boccuccia aperta.
    Io dicevo a mio nipote: "Ti chiami forse Andrea?" Lui allora scuoteva energicamente la capoccia aspettando il resto; "perché Andrea tre mosche in bocca avea, una entrava e un'altra usciva; povero Andrea come faceva?" Allora lui sputazzava veloce ma visto che non uscivano le tre mosche iniziava a piangere come un disperato. Arrivava mia figlia che mi chiedeva "Ma che gli hai detto?". "Figurati. Niente,piange da solo" e lui non sapeva cosa dire.
    So cattivi sti nonni, te pare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei un nonno divertente e tremendo allo stesso tempo e i tuoi nipoti ti adoreranno. Grazie per le generose parole che mi offri. Buon pomeriggio, Vincenzo.
      sinforosa

      Elimina
  5. Onore alla nostra Sinforosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buono Gus, grazie mille ☺️. Buon pomeriggio.
      sinforosa

      Elimina
  6. Sono commossa, è una bellissima storia che apre mente e cuore!
    Complimenti a te e ai tuoi piccoli illustratori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura, Francesca, ma è una storiellina da niente, ai bambini però piace e la richiedono sovente e loro sono bravissimi nell’illustrarla. Buon pomeriggio.
      sinforosa

      Elimina

GRAZIE PER AVER LETTO QUESTO POST.

OGNI COMMENTO È BEN ACCETTO E ARRICCHISCE IL BLOG, PURCHÉ SIA RISPETTOSO.

AVVISO
* Pur sapendo che è limitativo e me ne dispiace, per preservare i Lettori da commenti offensivi da parte di eventuali Blogger non educati e irrispettosi (come è successo, purtroppo), i commenti sono in moderazione e pubblicati il prima possibile.

*La RESPONSABILITÀ del commento è sempre dell'AUTORE.

* Devi essere consapevole che il TUO username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile e che potrà rimandare al TUO Profilo di Blogger
POLICY PRIVACY

* Il Blog segue la BLOGTIQUETTE (qui sotto)
https://it.wikipedia.org/wiki/Blogtiquette

AIUTIAMO I BAMBINI DEL KOSOVO

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO

CERCA NEL BLOG

RUBRICHE

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA

PRELEVA E REGALA